Lunedi' 21 Maggio 2018

Il cane mi ha graffiato, cosa fare?

  • Pubblicato il:  17/05/2018
Clicca per ingrandire le foto

Molte persone conoscono le conseguenze del graffio da gatto, ma il graffio di un cane può essere altrettanto pericoloso? Sebbene le probabilità di contrarre una malattia attraverso il graffio del cane sono basse, rimangono sempre dei rischi. Se siete stati graffiati da un cane, ecco cosa bisogna sapere.

Collegamenti sponsorizzati

Infezioni dopo un graffio di cane

I cani camminano a terra e scavano in tutto ciò che li incuriosisce, il che significa che le unghie dei cani sono molto sporche. Esse possono ospitare batteri e funghi che possono infettare facilmente gli esseri umani attraverso ferite, compreso il tetano.

Inoltre, quando i cani si leccano le zampe, trasferiscono batteri dalla bocca alle unghie. Questo può, in rari casi, infettare l'uomo con MRSA, un'infezione batterica provocata da alcuni ceppi di Staphylococcus aureuso, e da batteri chiamati Capnocytophaga se il graffio lesiona a pelle.

Collegamenti sponsorizzati

Il cane può trasmettere la rabbia con il graffio?

"Posso prendere la rabbia attraverso il graffio di un cane?" È una delle domande più frequenti su internet. Anche se è molto improbabile che un essere umano possa contrarre la rabbia attraverso il graffio di un animale, esistono delle basse probabilità che possa succedere.

Il virus che causa la rabbia si diffonde attraverso il contatto con la saliva o il tessuto cerebrale di un animale infettato da rabbia, ma non riesce a penetrare nella pelle intatta. Se un cane infetto graffia una persona con le unghie contaminate di saliva, teoricamente può verificarsi l'infezione; tuttavia, la maggior parte dei cani è vaccinato contro la rabbia e non è a rischio di infezione.

Se il vostro cane ha avuto contatti con un animale randagio, prendete le dovute precauzioni e cercate immediatamente assistenza veterinaria.

Come curare il graffio del cane

I graffi degli animali possono sembrare innocui, ma possono causare gravi infezioni se la pelle è stata lesionata.

Le ferite superficiali possono sembrare meno gravi, ma devono essere ugualmente valutate dal proprio medico curante.

Se il graffio sanguina, cercate di fare pressione sulla ferita con un asciugamano pulito fino a quando l'emorragia si ferma. Una volta che l'emorragia si è attenuata, lavare bene la ferita con acqua e sapone per almeno tre minuti.

Pulite e asciugate la pelle, quindi applicare una unguento antibiotico e coprire la ferita con una benda. Controllate il graffio per escludere segni di infezione, tra cui aumento di calore, arrossamento, gonfiore, dolore o striature rosse sulla pelle.

Monitorate la ferita per almeno 72 ore e se riscontrate almeno uno di questi sintomi, contattate immediatamente il medico.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere