Giovedi' 23 Novembre 2017

Qual'è la migliore età per castrare il cane?

  • Pubblicato il:  30/10/2017
Foto Qual'è la migliore età per castrare il cane?

Molti si chiedono quale sia l'età migliore per castrare un cane. La verità è che anche nel mondo veterinario ci sono diverse opinioni su quale sia il momento migliore per castrare un cane, in modo da impedire gravidanze indesiderate e prevenire eventuali malattie correlate.

Collegamenti sponsorizzati

In questo articolo spiegheremo quali sono i vantaggi e gli svantaggi della sterilizzazione nel cane di pochi mesi o dopo qualche anno di vita, in modo da decidere con più consapevolezza.

Benefici della castrazione nei cani

Non vogliamo incoraggiarvi a castrare il vostro cane, ma vi mostreremo le prove scientifiche fino ad oggi sui vantaggi della sterilizzazione di un cane.

Ecco i veri vantaggi della castrazione sul cane:
  • I cani sterili non avranno alcun calore, perché non producono testosterone.

  • Quando un cane è castrato, scomparirà anche la sua necessità di marcare il territorio con l'urina e il desiderio euforico di avvicinarsi alle femmine in calore.

  • Reprimendo i desideri delle femmine, inoltre, impediremo loro di fuggire e / o di perdersi.

  • La prostata di un cane castrato non svilupperà gli stessi problemi o malattie come quelle di un cane non castrato.

  • A livello sociale sarà più rispettoso con altri cani, perchè viene ridotto il desiderio dominante che provoca il testosterone.

  • Le femmine sterilizzate avranno meno probabilità di sviluppare un tumore ovarico o alla mammella.

  • Le femmine castrate non avranno il ciclo mestruale, quindi non attireranno i maschi.

Collegamenti sponsorizzati

Controindicazioni della castrazione nel cane

Se la castrazione avviene all'età raccomandata, in genere non ci dovrebbero essere gravi problemi.
Tuttavia, nulla è perfetto in questo mondo e talvolta potrebbe svilupparsi qualche effetto negativo, come:
  • Se si sterilizza una cagna prima del dovuto potrebbero verificarsi problemi ormonali.

  • Alcuni cani possono mostrare un aumento dell'appetito, che si traduce in maggior rischio di obesità se non si monitora costantemente il cibo e l'esercizio fisico.

  • Alcuni cani maschi castrati emettono un odore attraente per altri maschi, che possono provare a montarli
Questi sono gli effetti collaterali della castrazione in alcuni cani, anche se si verificano in modo raro.

L'età migliore per castrare un cane maschio

È stato sempre detto che l'età migliore per castrare un cane maschio è prima dell'età di un anno, cioè tra 9 e 12 mesi. Tuttavia, è stato dimostrato che è meglio aspettare fino al raggiungimento della maturità sessuale.

L'età ideale per castrare un cane è verso i 18 mesi, cioè un anno e mezzo di vita. È in questo periodo che il cane completa lo sviluppo e inizia a maturare sessualmente.

Subito dopo la castrazione del cane, l'animale dovrà indossare un collare elisabettiano per alcuni giorni in modo da evitare che si lecchi continuamente i punti di sutura. In pochi giorni sarà di nuovo in forma e con la stessa energia di sempre.

I cani castrati hanno bisogno da sei a dodici mesi per eliminare tutto il testosterone nel loro corpo, quindi bisogna essere pazienti prima di notare i benefici comportamentali.

Un cane randagio può vivere una vita completamente normale e accoppiarsi con le femmine quando vuole (o quando può), ma non potrà procreare, cioè, non potrò avere cuccioli.

Non bisogna mai castrare un cane con meno di 9 mesi di vita, né un cane adulto con più di otto anni, perché non ne vale la pena... a meno che il vostro veterinario lo consiglia per migliorare lo stato di salute.

L'età migliore per castrare un cane femmina

Le femmine maturano sessualmente prima rispetto ai maschi, quindi non è necessario attendere fino ad un anno e mezzo di vita, anche se è consigliabile attendere la fine del primo ciclo mestruale o calore.

Questo si verifica, in genere, tra 1 anno e 1 anno e mezzo di vita, e una volta passato si può prendere in considerazione se castrare il cane per prevenire un ulteriore calore.

Grazie alla castrazione della femmina eviterete la probabilità di sviluppo di diversi tipi di cancro e non avrete il problema di una cucciolata indesiderata.

Dopo l'operazione, la cagna castrata dovrebbe indossare un collare elisabettiano per una settimana, sempre per evitare di leccare la ferita. Durante questa settimana la cagna deve condurre una vita tranquilla e a riposo.

Superata la prima settimana, potrà condurre una vita totalmente normale e attiva, giocare, correre e perfino accoppiarsi senza pericolo di rimanere incinta.

Differenze tra la sterilizzazione del cane femmina e la castrazione di un cane maschio

La castrazione maschile comporta la rimozione dei testicoli attraverso un'operazione eseguita in un centro veterinario. In questo modo il cane non sarà più in grado di generare sperma né testosterone.

Un altro tipo di castrazione è simile alla vasectomia umana, dove si attua una tecnica per reprimere la fuoriuscita dello sperma attraverso un nodo, o con una castrazione chimica.

Questi cani continuano la produzione di testosterone, ma i benefici saranno ridotti solo a eliminare il rischio di avere cuccioli.

Nelle femmine la sterilizzazione si effettua eliminando l'utero e le ovaie per intero.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere