Domenica 19 Maggio 2019

Lesioni alla coda del Cane: sintomi e trattamento

  • Pubblicato il:  22/04/2019

Molte persone sono abituate a vedere la coda del loro cane sempre dritta e agile, muovendosi energicamente da una parte all'altra, quindi vederla penzolante o rotta può essere davvero preoccupante per loro.


Le ferite alla coda del cane sono più comuni di quanto si possa immaginare: la coda, infatti, essendo una parte del corpo molto esposta e in movimento continuo, è molto vulnerabile a traumi e rotture.

Com'è fatta e a cosa serve la coda al Cane?

La coda dei cani è composta da diverse vertebre mobili ricoperte da una muscolatura versatile che, a sua volta, presenta diversi segmenti - in particolare sulla la punta - in grado di eseguire movimenti graduali.

Parte di questa muscolatura è costituita da muscoli associati al retto, all'ano e al diaframma pelvico. Questi muscoli sono importanti per stabilizzare la colonna vertebrale e sostenere l'azione dei muscoli estensori della schiena.

La coda, oltre a svolgere una parte fondamentale nella comunicazione, aiuta il cane anche a mantenere il resto del corpo in equilibrio - per esempio quando salta, cammina su una struttura stretta o tenta di arrampicarsi da qualche parte - .

I cani che corrono molto veloci, come i levrieri, di solito hanno code fini e molto lunghe in proporzione al resto del corpo, perché la coda funge da contrappeso quando cambiano direzione nel mezzo di una gara o fanno virate chiuse, consentendo una maggiore agilità per raggiungere la preda.

D'altra parte, i cani amanti dell'acqua usano la coda come timone mentre nuotano. Avere code spesse, forti e molto flessibili aiutano il cane a muoversi più facilmente nell'acqua.

Infine, possiamo vedere alcuni cani che usano la loro coda come isolamento termico. Ad esempio, le razze che vivono in habitat molto freddi come l'Alaskan Malamute, i Grandi Pirenei o il Chow Chow, hanno code molto spesse e pelose, e quando si sdraiano sulla neve o sul ghiaccio, usano la coda per scaldarsi e proteggersi dal freddo.

Problemi alla coda nel Cane

Adesso vediamo quali possono essere i problemi più comuni e le malattie che possono incidere in modo specifico sull'area della coda del cane:

  • Deformità o assenza della coda
  • Trauma (fratture o lussazioni delle vertebre, lesioni nel tessuto molle, paralisi della coda)
  • Disturbo della "Cauda equina" (instabilità delle vertebre sul bacino nella zona in cui la coda si unisce al bacino).
  • Tumori (sia benigni che cancerosi)
  • Sindrome della "coda fredda"

Il problema più comune della coda dei cani è il trauma. Quando la coda si frattura a seguito di un incidente domestico o esterno, la ferita è molto dolorosa ma di solito guarisce. A meno che la frattura non sia grave, di solito non è necessaria l'amputazione perchè la coda si calcifica in modo naturale - anche se spesso rimane una protuberanza che il cane non lascerà toccare a causa del fastidio -.

Nel caso in cui sono coinvolti i nervi è molto probabile che il cane abbia problemi a muoversi e a sedersi. Non preoccupatevi, in genere è un problema temporaneo.

coda del cane
Alcune razze di cani come il Golden Retriever o il Labrador di solito soffrono di quella che si chiama la "sindrome della coda fredda", un problema molto comune nei cani da nuoto. Non si tratta di una frattura ma di un problema muscolare molto doloroso che fa abbassare la coda flaccidamente. Non bisogna allarmarsi, è un problema che dovrebbe risolversi in qualche giorno. Ovviamente, evitate di toccare la coda del cane.

Capire se la coda del cane è rotta

I veterinari usano diversi strumenti per diagnosticare i disordini della coda del cane. Tra questi:

  • Radiografie
  • Epideurografia (somministrazione di fluido di contrasto nella zona epidurale)
  • TAC o risonanza magnetica della parte bassa della schiena
  • Test elettrodiagnostici dei muscoli e dei nervi della coda
  • Biopsie della pelle o masse esistenti

Se avete dei dubbi sul fatto che il vostro cane possa soffrire di un problema alla coda, non esitate a portarlo dal veterinario. Come abbiamo già detto, le lesioni della coda sono tra le più dolorose.

Cosa fare se il cane ha la coda rotta

Prima di tutto è necessario fermare l'emorragia. Afferrate delicatamente la coda (indossate un paio di guanti) e premete con decisione (ma delicatamente). Quindi, lavate la ferita con sapone e acqua tiepida. È molto importante pulire la ferita in modo che non si infetti.

Una volta che la ferita è pulita, applicare un unguento antibiotico come Neosporin. Infine, mettete una garza sterile sulla ferita (con del nastro medico per tenerli in posizione). È importante ricordare che se la coda del cane è effettivamente rotta, bisogna portarlo dal veterinario.

A secondo della posizione della rottura della coda, bisogna immobilizzarla e portare il cucciolo dal veterinario.

  • Se la lesione non è alla base, in genere basta usare una stecca di legno molto sottile. La stecca aiuterà a mantenere la coda dritta e ferma per almeno una settimana.

  • Se la coda si rompe alla base la situazione diventa più complessa perché possono causare danni ai nervi. Anche se la maggior parte delle lesioni della coda non sono così serie, il cane ha bisogno delle vostre attenzioni durante il periodo di guarigione. Ad esempio, se il cane si rompe la coda alla base non sarà in grado di alzarsi per andare in bagno. Pertanto, avrà bisogno del vostro aiuto.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   1  Persone hanno inserito un Commento

Hannibal22/04/2019 | Rispondi

Buongiorno! Uno dei cuccioli appeni nati ha una deformità alla coda, tanto che mi sembra rotta Non ha dolore, ma esteticamente sembra davvero brutta, e vorrei sapere se è possibile fare qualcosa senza ricorrere all'amputazione!

Ultimi Articoli

-->