Venerdi' 19 Luglio 2019

Cauda equina nel Cane: cos'è e come curarla

Foto Cauda equina nel Cane: cos'è e come curarla

Se il vostro cane non riesce a sedersi correttamente, non vuole più uscire per fare una passeggiata come prima, o mostra segni di dolore quando si alza, non ignorate questi sintomi: potrebbe essere la sindrome della Cauda equina nei cani.


In questo articolo parleremo dei principali sintomi di questa malattia, dei trattamenti più comuni e dei consigli per prevenirla o alleviarla.

Cos'è la cauda equina nei cani?

La cauda equina è una malattia che colpisce le vertebre lombari e sacrali, che sono quelle più vicine alla coda del cane.

Il restringimento del canale vertebrale comprime le radici del nervo spinale, causando dolore e difficoltà nei movimenti. Se trascurata potrebbe progredire e causare un'ernia del disco.

Nonostante sia più comune nei cani di taglia media e grande, soprattutto Pastori tedeschi, Boxere, Rottweiler, anche i cani di piccola ne possono soffrire. Questa sindrome riduce la mobilità del cane e la loro qualità della vita.

Come e perchè si manifesta questa malattia?

Uno dei primi sintomi che dovrebbe metterci in allerta è quando vediamo il cane avere sempre più difficoltà a sedersi per riposarsi.

Altri sintomi comuni della malattia sono:

  • Il cane ha meno voglia di svolgere attività che implichino uno sforzo fisico

  • Zoppia in uno o entrambi gli arti posteriori

  • Potrebbe soffrire di incontinenza fecale e / o urinaria.

  • Segni di dolore nella regione lombo-sacrale. Ciò potrebbe causare anche cambiamenti comportamentali e problemi di aggressività.

  • Debolezza o paralisi nella coda e/o nella zona pelvica, che può portare a perdita di massa muscolare.

Purtroppo esistono diverse cause che possono causare lo sviluppo di questa sindrome. Molte volte è dovuto ad anomalie congenite che si verificano dalla nascita, ma può anche essere una condizione acquisita a seguito di una frattura o lussazione.

I cani con displasia dell'anca, ad esempio, possono sviluppare problemi di questo tipo nella parte inferiore della colonna vertebrale, così come la spondilosi (formazione di speroni ossei nelle vertebre) del cane anziano o la presenza di tumori o infezioni.

Trattamenti per la cauda equina nel Cane

Per curare correttamente la cauda equina nel cane, è importante che lo specialista confermi una diagnosi accurata che permetta di sapere cosa sta causando questa sindrome ed escludere altre malattie con sintomi simili, come la displasia.

Dopo un primo esame fisico e un profilo biochimico completo che include esami delle urine e del sangue, il veterinario potrebbe eseguire vari test come radiografie, TAC o risonanza magnetica per individuare quale trattamento sia il più appropriato.

E' necessario tenere conto dell'età del cane e della gravità dei sintomi.

- Quando la causa è infettiva, verranno prescritti antibiotici e altri farmaci come antinfiammatori o analgesici per alleviare il dolore. Nei casi in cui questo tipo di trattamento conservativo non funziona, è possibile optare per un intervento chirurgico per decomprimere le radici nervose interessate.

Consigli per prevenire o alleviare i sintomi

Per poter alleviare i sintomi della sindrome di cauda equina nei cani, è fondamentale seguire sempre i consigli del veterinario che ha in cura il vostro cane.

Nei casi in cui il cane non può recuperare la sua mobilità, l'uso di condroprotettori o di pettorine speciali può essere di grande aiuto per dare una migliore qualità di vita possibile.

Anche la fisioterapia funziona molto bene, quindi dovreste trovare un buon specialista nella zona.

Impedite al vostro peloso di giocare in modo irruento, saltare e correre. Fategli seguire, infine, una alimentazione corretta in modo da non avere problemi di obesità o la sua condizione fisica potrebbe peggiorare.

Come per tutte le malattie, la diagnosi precoce è la chiave per controllare e rallentare questo problema degenerativo. Ecco perché bisogna sempre monitorare con attenzione tutti sintomi che si presentano (anche minimi) e non esitare a portarlo dallo specialista se si nota qualcosa di strano.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->