Venerdi' 24 Novembre 2017

5 malattie genetiche nei Cani

  • Pubblicato il:  20/05/2017

Purtroppo, le malattie genetiche sono abbastanza comuni nei cani di razza o incroci. In questo articolo parleremo delle 5 malattie genetiche più comuni nel cane, tra cui le allergie cutanee, la displasia dell'anca, la sindrome respiratoria brachiocefalica, malattie della valvola mitrale, e le lesioni del legamento crociato craniale.

Collegamenti sponsorizzati

Queste malattie sono in genere associate a problemi genetici evolutivi che si sono sviluppate durante la diversificazione delle razze.

La medicina veterinaria si è evoluta in modo notevole negli ultimi anni, e molte malattie comuni di natura infettiva, nutrizionale o ambientale ,possono essere prevenute e curate con successo. Questi progressi hanno anche spianato la strada verso un maggiore controllo delle malattie ereditarie dei cani.

E 'molto importante notare che. anche se alcuni veterinari insistono sul fatto che alcuni disturbi sono ereditati in alcune razze, non significa che il vostro cane di razza è destinato a sviluppare tale malattia.

Inoltre, ci sono alcune indicazioni che, se seguite in modo corretto, possono aiutare a prevenire e curare molte malattie canine, e gestire con successo molte condizioni genetiche di questi animali.

Malattie genetiche della pelle nel Cane

Le allergie genetiche della pelle, tra cui le infezioni croniche dell'orecchio e le macchie sulla pelle, sono i motivi più comuni per cui molti proprietari portano i loro cani dal veterinario.

Le malattie genetiche della pelle sono comuni sia nei cani di razza che cani di razza mista, anche se alcune razze sono più a rischio rispetto ad altre.

Per esempio, uno studio condotto sulla dermatite atopica nei Labrador e nei Golden Retriever, ha mostrato un'ereditarietà del 47%, il che significa che in circa la metà dei casi è causata da una componente genetica.

malattie pelle genetiche cane
Un altro studio sulla dermatite atopica nei Pastori tedeschi ha identificato un'altra componente genetica. La combinazione genetica insieme ad una alimentazione con cibo di scarsa qualità, sono i fattori predisponenti per lo sviluppo di questa malattia genetica.

Se il vostro cane ha una malattia cutanea di natura allergica, sappiate che esistono trattamenti naturali che, insieme ad un cambiamento nello stile di vita e ai consigli di veterinari olistici, che sono in grado di ridurre in modo significativo la frequenza di focolai di dermatite atopica nel cane.

Poiché questa malattia è caratterizzata dalla proliferazione di batteri, il veterinario può preferire trattare il cane con una terapia topica naturale, piuttosto che somministrare antibiotici orali per anni.

Nei casi meno gravi, lavare i cani con uno shampoo antibatterico naturale offre gli stessi vantaggi di un trattamento con antibiotici per via orale, senza alcun effetto collaterale e senza causare danni allo stomaco o al sistema immunitario del vostro animale .

Provate ad usare anche olio di cocco per aumentare le difese naturali della barriera cutanea del cane. Ovviamente, prima di iniziare qualsiasi trattamento parlatene con il vostro veterinario.

Se volete approfondire questo argomento vi consigliamo di leggere questo articolo: La dermatite atopica nei Cani

La displasia dell'anca

La displasia dell'anca è la malattia ereditaria muscolo-scheletrica più comune nei cani, e può svilupparsi sia nei cani di razza che nei meticci.

Dal momento che i cani di piccola taglia affetti da questa malattia di solito non mostrano lo stesso livello di dolore e disagio, è chiaro che le dimensioni e il peso dell'animale sono fattori che contribuiscono ad aggravarne i sintomi.

displasia anca cane
Genetisti e ricercatori veterinari stanno sviluppando alcune teorie che si spera possano essere utili agli allevatori di cani ad identificare meglio gli animali che possono trasmettere la displasia ai loro discendenti.

Se il cane ha la displasia dell'anca spesso,per riparare la lassità dell'anca, può essere risolto con un intervento chirurgico, anche se c'è da dire che non tutti i cani sono candidati per la chirurgia, e non tutti i proprietari possono permettersi il costo dell'intervento chirurgico.

Il trattamento medico convenzionale prevede l'utilizzo di farmaci antinfiammatori per cani (FANS) e corticosteroidi, anche se tutti hanno effetti collaterali.

Se il vostro cane sta assumendo farmaci per il dolore e per l'infiammazione, vi consigliamo di consultarvi anche con un veterinario olistico per capire se si può iniziare un trattamento alternativo.

L'aspetto più importante del trattamento della displasia dell'anca canina è quello di sviluppare e mantenere i muscoli, i tendini e i legamenti sani. A tal proposito possono essere utili alcune terapie fisiche come la chiropratica, massaggi, stretching, trattamento laser, l'agopuntura e la terapia in acqua.

Oltre al trattamento farmacologico e terapico, è possibile aiutare il cane con una alimentazione anti-infiammatoria. Eliminate dalla dieta del vostro animale patate, mais, frumento, riso e tutti gli gli alimenti che apportano amido.

Parlate con il vostro veterinario per eventuali integratori naturali in grado di apportare i nutrimenti necessari per aiutare la rigenerazione della cartilagine (condroprotettivi) come la Glucosamina e la Condroitina.

Se volete approfondire questo argomento vi consigliamo di leggere questo articolo: Displasia dell'anca del Cane

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Sindrome respiratoria del cane brachicefalo

La sindrome respiratori brachicefalica è un disturbo respiratorio comune nelle razze con la faccia piatta come il Bulldog e il Carlino. Il problema si verifica perché la forma della testa e del muso provocano anomalie anatomiche tra il naso e la faringe.

Purtroppo, molti allevatori senza scrupoli continuano ad allevare cani alterando eccessivamente la forma del crani di questi animali in modo da ottenere uno sguardo particolare, ma senza alcuna considerazione per la loro salute.

sindrome brachicefala cane
Quasi il 17% dei cani che soffrono di brachicefalia possono morire di insufficienza respiratoria prima dell'età di 9 anni.

I segni clinici della malattia possono includere difficoltà respiratorie, intolleranza al calore e all'esercizio fisico, respirazione rumorosa, perdita di coscienza e morte. In genere, questi cani sviluppano spesso dermatiti tra le pieghe della pelle e alcuni problemi alla vista.

Cani con grave forma di sindrome respiratoria brachiocefalica possono avere continuamente difficoltà a respirare. Non è raro vedere questi cani collassare per mancanza di ossigeno, e senza un trattamento, i problemi tendono ad aumentare nel tempo insieme con il peggioramento dei sintomi.

Purtroppo, la chirurgia è spesso l'unica opzione per risolvere in modo significativo le difficoltà causate da questa malattia.

Tra le cose che si possono fare, la più importante è quella di mantenere il cane in forma. I cani in sovrappeso e obesi sono maggiormente soggetti a crisi respiratorie gravi.

Lasciate il vostro cane lontano da ambienti molto caldi o umidi per aiutarli a respirare meglio e prevenire gli shock termici.

E dal momento che anche lo stress peggiora quasi tutti i problemi di salute, soprattutto le difficoltà respiratorie, evitate di provocare stress il più possibile e mantenerlo in buona forma.

Se volete approfondire questo argomento vi consigliamo di leggere questo articolo: La sindrome del cane Brachicefalo

Valvulopatia mitralica genetica nel cane

La malattia della valvola mitrale si sviluppa prevalentemente nei cani di piccola taglia e in alcune razze come il Cavalier King. Molti studi hanno dimostrato che questa condizione può causare altre malattie cardiache già in giovane età.

malattia valvola mitrale cane
Se il cane soffre di problemi alla valvola mitrale: molti veterinari di solito tendono a non intervenire fino a quando non compaiono i sintomi. Noi non siamo molto d'accordo su questo, perchè aspettare i sintomi di una malattie cardiaca significa abbassare la qualità e l'aspettativa di vita del proprio animale.

Se avete un cane di razza come il Cavalier King Charles Spaniel, bisogna sapere che c'è un'alta probabilità che possa sviluppare la malattia della valvola mitrale, quindi vi consigliamo di fare due cose molto importanti.

  • In primo luogo, parlate con il vostro veterinario circa l'utilizzo di ubiquinolo prima che appaiano i sintomi e venga diagnosticato il problema cardiaco.

    L'uso di ubiquinolo riesce a ridurre di la progressione della malattia della valvola mitrale nei cani. Si tratta di una delle migliori pratiche preventive che si possono applicare per le razze ad alto rischio malattie cardiache.

    Somministrazione di CoQ10 per migliorare la respirazione cellulare, riducendo così lo stress sul sistema cardiovascolare.

  • La seconda cosa che vi consigliamo, è quella di modificare l'alimentazione del vostro cane. Ricordate che i cani sono animali carnivori e richiedono quindi aminoacidi della carne animale per mantenere la funzione muscolare in buona salute, e quindi anche quella del muscolo cardiaco.

    Eliminate cibi disidratati o in scatola che contengono additivi o amidi quali patate, riso, grano integrale, lenticchie, piselli, tapioca, ecc Tutti questi alimenti sono inutili e non rientrano nella naturale richiesta nutrizionale del cane.

A volte, è necessario dare al cane integratori di aminoacidi di cui sono privi molti alimenti commerciali, tra cui la L-carnitina, taurina, carnosina, arginina e olio di krill.

Se volete approfondire questo argomento vi consigliamo di leggere questo articolo: Degenerazione valvola mitrale nel Cane

Rottura del legamento crociato craniale nei cani

Le rotture del legamento crociato di solito non vengono classificate come ereditarie, tuttavia, gli studi hanno dimostrato una tendenza ereditaria nel Rottweiler, Golden Retriever, West Highland White Terrier, Yorkies, Staffordshire Bull Terrier, e alcune razze miste.

rottura legamento crociato cane
In circa il 70% di questi cani con legamenti lesionati spontaneamente, la causa e dovuta ad altre ragioni, in particolare all'alimentazione.

La rottura del legamento crociato è un problema per il cane, soprattutto se si tratta di una razza molto attiva.

Se volete approfondire questo argomento vi consigliamo di leggere questo articolo: Rottura del legamento crociato nel cane: sintomi e cure

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere