Sabato 24 Luglio 2021

La stella marina: dove vive, cosa mangia e tanto altro

  • Pubblicato il:  17/12/2020

Contrariamente a quanto si possa pensare, le stelle marine non sono pesci, ma echinodermi strettamente imparentati con i ricci di mare. In realtà, tutti gli invertebrati appartenenti alla classe Asteroidea sono chiamati stelle marine. Ci sono circa 1.500-2.000 specie di stelle marine in tutto il mondo.


Come è fatta una stella marina

Il corpo della stella marina racchiude in sè tante curiosità; per esempio, non ha né cervello né sangue. In genere, le specie di stelle marine hanno 5 braccia ma alcune possono averne fino a 50, come il Labidiaster annulatus o la stella marina antartica. Queste braccia nascono dal disco centrale del corpo e possono essere corte o lunghe. Sotto il disco centrale c'è la bocca della stella.

Un altro fatto curioso risiede nel fatto della capacità di rigenerazione di tutto il suo corpo, cioè la stessa stella può sviluppare un altro braccio in caso di perdita. Inoltre, nuove stelle si formano da ciascuna delle braccia mozzate poiché la maggior parte degli organi si trova negli arti, tra cui le gonadi e l'appendice pilorica.

Le stelle marine hanno una pelle calcificata che le protegge dalla maggior parte dei predatori ed è spesso colorata come di rosso, arancione, blu, grigio o marrone: questi colori vivaci servono a spaventare o per mimetizzarsi. La superficie può essere di varie strutture: liscia, granulosa, spinosa, ecc. ma sempre ricoperta da placche ossee sovrapposte.

Lo scheletro interno è costituito da ossicini calcarei o placche che possono articolarsi tra loro. Le stelle hanno un sistema vascolare dell'acqua che si apre nella madreporite, un'apertura situata nella parte centrale del corpo. Questa madreporite conduce a un canale. A sua volta, il canale è collegato ad un altro canale che conduce a ciascuno dei canali radiali della stella. La locomozione (movimento) è data, dal sistema vascolare dell'acqua, dai piedi del tubo, che hanno funzioni sensoriali e sono posizionati all'estremità di ogni canale radiale.

La maggior parte delle specie ha un diametro compreso tra 12 e 24 cm, ma ce ne sono alcune che sono inferiori a 2 centimetri e altre che hanno un diametro superiore a 1 metro.

Sebbene la stragrande maggioranza degli asteroidi non costituisca alcun pericolo per l'uomo, alcuni hanno spine e tossine che possono essere velenose per le persone.

Il segreto della rigenerazione delle stelle marine: le cellule staminali

Abbiamo già anticipato che le stelle marine possono mutilarsi per attivare un processo riproduttivo, ma sono anche in grado di tagliarsi gli arti, o parti di questi, che hanno cellule malate. Ma come è possibile che un organismo così piccolo possa rigenerarsi senza apparenti difficoltà? La risposta è molto semplice e potresti conoscerla: le cellule staminali. Quelle famose unità anatomiche che, oggi, sono nelle cronache scientifiche. Tutta una rivoluzione per cercare di curare alcune malattie, rigenerare tessuti, cartilagine ... perché le stelle marine ne hanno in grandi quantità.

Se una stella marina è in grado di rigenerarsi attraverso l'azione delle cellule staminali, perché non può farlo l'uomo? Per il semplice motivo: le nostre cellule staminali hanno una missione importante nel nostro corpo: diventare pelle. E, naturalmente, siamo organismi molto più complessi delle stelle marine.

Le stelle marine hanno una simmetria radiale, quindi se un arto viene tagliato, ne appare uno piccolo nella regione centrale. È allora che le cellule staminali entrano in gioco e fanno crescere lentamente il nuovo arto ma verso l'esterno, all'indietro. La crescita è indeterminata e il nuovo arto cresce finché, di nuovo, le cellule staminali intervengono in modo che lo sviluppo sia proporzionale.

Dove vivono le stelle marine

Le stelle marine si possono trovare in tutti gli oceani e i mari del mondo, sia in ambienti freddi che tropicali. Sono solo animali marini e non esistono stelle marine di acqua dolce. Nella migliore delle ipotesi, alcune specie possono abitare in acque salmastre.

Si trovano fino a una profondità di 6.000 metri sotto la superficie.

Comportamento di una stella marina

Di solito sono specie più attive di notte che di giorno. Si muovono per mezzo di piedi tubolari, dotati di ventose che aderiscono al fondo. Poiché il loro sistema nervoso non è centralizzato, possono percepire l'ambiente circostante da qualsiasi angolazione. Le cellule sensoriali nella loro pelle consentono loro di sentire cose come la luce, le correnti e persino i legami chimici.

I feromoni delle stelle marine adulte sono molto attraenti anche per le larve, che tendono a rimanere con loro.

Cosa mangiano le stelle marine

La loro dieta è basata su una dieta carnivora e possono essere paragonati ad ottimi "spazzini". Le stelle marine mangiano prede che si muovono lentamente come cirripedi, gasteropodi, policheti, bivalvi e altri invertebrati.

Per nutrirsi, le stelle girano lo stomaco verso l'esterno, secernono enzimi primari sulla preda per distruggere i suoi tessuti e, una volta che i succhi digestivi fanno il loro lavoro, le stelle succhiano ciò che resta della preda.

Un'altra forma di cibo è data dal plancton o da altri organismi che si attaccano alla superficie del corpo e si muovono attraverso le ciglia nella bocca. In questo modo la preda raggiunge la bocca del predatore "con i propri piedi".

Come si riproducono le stelle marine

Come nascono le stelle marine? I loro cicli di vita sono complessi e possono riprodursi sia sessualmente che asessualmente. Se la riproduzione è sessuale, le stelle marine rilasciano le loro uova e il loro sperma in mare, quindi la fecondazione è esterna. In alcune, invece, specie avviene la fecondazione interna.

Le stelle marine hanno sessi separati, ma alcune sono ermafrodite. Generalmente hanno 2 gonadi in ciascun braccio e un gonoporo, cioè un'apertura genitale. La maggior parte delle specie ermafrodite incubano le uova. Le uova fecondate sono relativamente grandi. Le larve traggono i loro nutrienti dal tuorlo delle uova e talvolta possono consumare altre uova di stelle marine per il cibo.

La riproduzione asessuata si verifica quando una nuova stella nasce da un braccio staccato.

Come respirano le stelle marine?

Le stelle marine non hanno branchie come i pesci, né polmoni, quindi queste creature marine respirano attraverso uno scambio gassoso che avviene in tutto il corpo. I biologi spiegano che questo processo di diffusione inizia quando le stelle assorbono l'ossigeno presente nell'acqua attraverso i piedi o i condotti dei tubi e le papule che si osservano sulla loro pelle.

Tipi di stelle marine

Sapevi che esistono fino a 7 tipi di stelle marine? Vediamo quali sono le principali caratteristiche di ciascuno di essi, nonché il nome dato all'ordine tassonomico (cioè la classificazione basata sulla sua storia biologica evolutiva) a cui appartengono:

  • Forcipulatida (269 specie): hanno sulla pelle tanti piccoli pedicelli a forma di artiglio, che usano per difendersi o anche per aiutare a catturare le loro prede.

  • Paxillosida (372 specie): abitano nei fondali sabbiosi e fangosi degli oceani e non hanno ventose.

  • Valvatida (695 specie): a quest'ordine appartengono le stelle marine più conosciute, quelle dal corpo voluminoso e con 5 braccia.

  • Spinulosida (121 specie): sono caratterizzati dalla presenza di numerose spine sulla faccia superiore.

  • Brisingida (111 specie): hanno da 6 a 16 braccia.

  • Notomyotida (75 specie): le braccia di queste specie sono molto flessibili e muscolose.

  • Velatida (138 specie): sono caratterizzati da un grande disco che conferisce loro una consistenza molto robusta.

Minacce delle stelle marine

Numerose sono le specie predatrici di stelle marine nel loro habitat naturale. Animali come gabbiani, leoni marini, granchi, tritoni e occasionalmente altre stelle marine rappresentano una minaccia per la sopravvivenza di questi animali.

Sono anche vulnerabili alle malattie degenerative causate da alcuni batteri e alle alte temperature. È stato registrato che i loro tassi di alimentazione e crescita diminuiscono se la loro temperatura corporea è superiore a 23°C e muoiono quando la loro temperatura supera i 30°C. Nonostante questo, le stelle marine non sono in pericolo di estinzione.

Quanto vive una stella marina?

Le stelle marine sono considerate creature longeve, ci sono esemplari di stelle marine che hanno vissuto fino a 34 anni.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli