Martedi' 12 Dicembre 2017

Linfociti del gatto alti o bassi?

  • Pubblicato il:  01/04/2017

Dopo le analisi al sangue del vostro gatto siete preoccupati per i valori dei linfociti alti o bassi? Continuate a leggere questo articolo, dove vi spiegheremo in modo semplici i valori normali e le cause che possono causare un abbassamento o innalzamento dei leucociti del sangue nei gatti.

Collegamenti sponsorizzati

Quando il vostro veterinario esegue un esame emocromocitometrico completo valuterà globuli rossi, globuli bianchi e piastrine presenti nel sangue del vostro gatto. I risultati possono essere molti in quanto ci sono diversi tipi e misure di queste cellule del sangue.

I globuli bianchi

Ci sono cinque diversi tipi di leucociti, o globuli bianchi, che circolano nel sangue del vostro gatto, ognuno dei quali esegue un lavoro specifico e tengono a bada infezioni e allergeni durante un'infezione.

analisi linfociti gatto
I cinque tipi di globuli bianchi sono i seguenti: neutrofili, eosinofili, basofili, monociti e linfociti.

I linfociti hanno un'importante funzione immunitaria, ed anche se esistono tre tipi di linfociti, la maggior parte delle macchine di analisi di sangue li raggruppano insieme rilevando un valore che si riferisce ai linfociti assoluti.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Quali sono i valori normali dei linfociti nei gatti?

Il valore assoluto dei linfociti, rappresenta il numero totale di queste cellule per volume di sangue.

E' importante valutare anche il risultato percentuale, che indica la porzione di cellule linfocitarie entro la conta leucocitaria totale.

Anche se i neutrofili rappresentano le cellule principali nella conta totale dei globuli bianchi, i linfociti vengono subito dopo.

I livelli assoluti di linfociti per un gatto dovrebbe variare tra 1.200 e 8.000, mentre da 20% a 45% rappresenta il normale intervallo percentuale.

Risultati anomali possono essere indicativi di malattia, anche se un lieve aumento dei linfociti può derivare dalla risposta allo stress del gattino quando è sottoposto al prelievo.

Linfociti alti o bassi nel gatto: cosa significa?

La conta dei linfociti anomali è generalmente il risultato di un'eccessiva stimolazione del sistema immunitario del corpo per combattere una malattia o un'infezione.

malattie linfocitarie gatto
La linfocitosi nel gatto, cioè l'innalzamento eccessivo dei linfociti nel sangue, possono essere indicativi di leucemia o di altre malattie, tra cui l'emobartonellosi, un'infezione gastrica, ipertiroidismo, febbre di origine sconosciuta e colangioepatite.

Valori di linfociti bassi (linfopenia), sono spesso causati prolungati periodi di stress, uso di farmaci steroidei e FIV (Immunodeficienza felina).

Tumori, come il linfoma e il linfosarcoma, possono posizionare i valori dei linfociti verso l'alto o verso il basso.

Cosa fare se il gatto ha i linfociti alti o bassi

La conta linfocitaria assoluta nel vostro gatto è solo una parte di un complesso puzzle.

Valori anomali dei livelli linfocitari nei gatti, non possono aiutare il veterinario a determinare una diagnosi precisa, ma vanno sempre valutati insieme agli altri valori del sangue e delle urine, senza trascurare un test fisico sulla condizione fisica generale del gatto e altri esami diagnostici.

Una volta che il veterinario avrà tutti gli esami, sarà grado di determinare una diagnosi basata sul quadro generale.

Esami del sangue di routine che comprendono un esame emocromocitometrico completo sono importanti, quindi, per monitorare la salute del vostro gatto, e diagnosticare in tempo eventuali problemi e malattie, e iniziare così un trattamento rapido ed efficace.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere