Giovedi' 3 Dicembre 2020

Tumore della pelle nel Cane: cause, sintomi e trattamenti

Foto Tumore della pelle nel Cane: cause, sintomi e trattamenti

I tumori della pelle o cancro della pelle sono tra le più comuni malattie della pelle nei cani. Ci sono tumori della pelle che si sviluppano nella pelle stessa (nell'epidermide o derma), e tumori sottocutanei che si sviluppano sotto la pelle.


Rappresentano circa il 33% di tutti i tumori canini, e possono essere benigni o maligni. Nei cani, circa il 20 - 40% di questi tumori sono maligni, mentre nei gatti il 50 - 60% di di queste neoplasie maligne sono seconda causa di cancro. La ragione di ciò è che la pelle dei nostri animali è permanentemente esposta a diverse tossicità ambientali (es. Raggi UV, agenti patogeni e tossine).

In questo articolo spiegheremo i diversi tipi di tumori della pelle nei cani, quali sono i sintomi e le cure più comuni.

Tipi di tumori della pelle nei cani

Generalmente, i tumori benigni della pelle crescono molto lentamente e non si infiltrano nei tessuti, mentre quelli maligni crescono più rapidamente e si espandono più in profondità. Inoltre, un tumore maligno ha la capacità di creare metastasi in altri organi interni come i polmoni o il fegato. Tuttavia, quasi tutti i tumori iniziano con gli stessi sintomi, come noduli apparentemente innocui.

Un tumore maligno della pelle cresce rapidamente e può migrare in altre parti del corpo (un processo noto come metastasi), danneggiando altri organi.

I tumori benigni, invece, possono causare qualche disagio, ma di solito non provocano gravi danni.

Ci sono molte forme di tumori della pelle nei cani, ma alcuni dei più comuni sono:
- Adenoma perianale
- Emangioma
- Emangiosarcoma
- Linfoma
- Lipoma
- Melanoma
- Papilloma
- Tumore a cellule basali
- Tumore della ghiandola del sacco anale
- Tumore venereo trasmissibile

Il mastocitoma è il più comune tumore maligno della pelle nei cani. È un tumore che può avere un aspetto molto variabile e può essere confuso con cisti di grasso o lipomi. L'aggressività di questo tumore è tanto variabile quanto il suo aspetto e può portare a gravi complicazioni se non viene trattato in tempo.

Nella maggior parte dei casi questo tumore appare spontaneamente e senza una causa specifica. Tra i fattori che possono essere associati con la comparsa del mastocitoma, ci sono le reazioni allergiche o di ipersensibilità croniche e l'obesità.

Nei casi in cui il mastocitoma risulta essere di bassa malignità, l'intervento chirurgico tempestivo e precoce può essere curativo.

Cause e fattori di rischio


Le cause possono essere molteplici. I tumori della pelle possono essere causati da infezioni, da un accumulo di massa grassa sotto la pelle, etc.

I fattori ambientali possono svolgere un ruolo importante nello sviluppo del tumore, ma i fattori genetici hanno un ruolo fondamentale.

Infatti, molte razze di cani sono più inclini a sviluppare tumori della pelle e tumori cutanei, tra cui:
- Bassotto
- Boxer
- Mastino napoletano
- Golden retriever
- Terrier scozzese

Sintomi

I sintomi variano a seconda del tipo di tumore, ma generalmente si verificano masse sotto forma di grumi visibili anche ad occhio nudo.

I sintomi più comuni dei tumori della pelle sono:
- Noduli
- Prominenze coperti di pelle squamosa
- Sanguinamento o noduli ulcerati
- Prurito
- Arrossamento
- Gonfiore dei linfonodi

Tra le complicazioni che possono presentare questi tumori si evidenziano: edema intorno al tumore, arrossamento e ulcerazioni, reazioni allergiche, ulcere gastrointestinali e disturbi della coagulazione.

Diagnosi

La diagnosi viene eseguita tramite un esame citologico e istopatologico su un campione di cellule della pelle.

Il campione può essere prelevato tramite agoaspirazione (utilizzando una siringa) o attraverso una biopsia.

Anche se il veterinario è molto esperto, spesso deve inviare il campione in un laboratorio specializzato per confermare o escludere la presenza di un tumore o neoplasia della pelle, e per sapere con certezza se si tratta di una formazione maligna o benigna.

Ulteriori indagini
Al fine di escludere una possibile diffusione del tumore, il veterinario valuterà anche i linfonodi vicini con una biopsia. Un esame ecografico dell'addome può fornire informazioni su eventuali metastasi al fegato e alla milza. Prima dell'inizio della terapia, viene solitamente eseguito anche un esame del sangue per escludere altre malattie e determinare lo stato di salute generale del cane.

Trattamento

Il trattamento dipenderà dal singolo caso e verrà fatto in base al il tipo specifico di tumore e le condizioni del cane malato. Oggigiorno, fortunatamente, l'oncologia veterinaria si è evoluta molto e la chemioterapia e la radioterapia possono allungare, spesso, la vita ai nostri animali.

- I tumori benigni di solito non devono essere trattati perché non causano un grossi problemi. Solo se il cane prova disagio si può provare a rimuovere il tumore con la chirurgia.

- I tumori maligni sono solitamente rimossi chirurgicamente, ma possono anche essere utilizzate radioterapia, crioterapia e chemioterapia come alternative alla chirurgia e in altri casi sono complementari.

E' importante iniziare subito con la terapia con cellule dendritiche per prevenire la crescita o la recidiva del tumore. Con la terapia cellulare dendritica, non solo si può fermare la crescita, ma il tumore può essere anche completamente controllato, portando così ad una maggiore aspettativa di vita.

Lo scopo della terapia cellulare dendritica è quello di rafforzare il sistema immunitario del cane, che a sua volta dovrebbe stimolare il corpo a combattere le cellule tumorali in maniera indipendente. Oltre ad una maggiore aspettativa di vita, questa tecnica può migliorare la qualità della vita.

Nuova terapia per il cancro della pelle nei Cani

Relativamente nuovo è il trattamento dei tumori mastocitari con i cosiddetti inibitori della tirosin-chinasi (ad es. Masivet o Palladia). Si tratta di compresse chemioterapiche che inibiscono il recettore tirosin-chinasi e la crescita delle cellule tumorali.

Poiché questo recettore è presente anche nelle cellule sane, questi farmaci possono causare effetti collaterali, come vomito o diarrea e sovraccaricare i reni. Dopo un uso prolungato (specialmente con Palladia), molti cani possono sviluppare zoppia.

Quanto vive un cane con cancro della pelle?

La prognosi è variabile, ma la maggior parte dei tumori della pelle nel cane sono curabili se presi in tempo. Ovviamente i tumori maligni in fase avanzata hanno un esito sfavorevole, ma anche questi, se presi in tempo, possono essere trattati in modo efficace.

La prognosi del tumore della pelle dei mastociti dipende in larga misura dal grado di tumore.

  • I cani con tumori mastocitari di grado 1 o tumori di basso grado hanno una buona prognosi nella maggior parte dei casi . Con la rimozione completa, è spesso possibile una cura e gli animali vivono per diversi anni dopo la diagnosi.

  • Nei tumori mastocitari di grado 2 che non hanno metastatizzato e dove il cane non mostra ancora sintomi, la prognosi con la terapia è buona. Tuttavia, se i tumori di grado 2 sono aggressivi e hanno già metastatizzato, la prognosi è molto più cauta. Questo vale anche se gli animali sintomatici, tra cui cui vomito, diarrea o ulcera gastrica.

  • Purtroppo, la prognosi è generalmente scarsa per i tumori di grado 3 o "alto grado", anche se si verificano raramente. Il loro comportamento aggressivo li fa crescere velocemente e possono formare metastasi. Anche con la chirurgia e la chemioterapia, il tempo di sopravvivenza è di solito solo pochi mesi.

Controllate sempre il vostro cane per la comparsa di noduli o gonfiori sospetti sulla pelle, soprattutto se è anziano, e non esitate a contattare il vostro veterinario di fiducia che saprà cosa fare per la salute del vostro amico.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->