Martedi' 20 Ottobre 2020

Balto e Togo: cani in fuga per il siero che ha salvato migliaia di vite

A Central Park (New York), Balto è stato onorato con una statua che elogia lo spirito indomito dei cani da slitta che trasportavano l'antitossina a seicento miglia da Nenana, su ghiaccio agitato, attraverso acque insidiose, tra tempeste di neve, per alleviare l'afflizione di Nome nell'inverno del 1925.


Indice
  1. La storia

La storia

Cominciamo a raccontare la storia dall'inizio: nel dicembre del 1924, Curtis Welch , l'unico medico di Nome, una città di meno di 2.000 abitanti a circa 2 gradi a sud del circolo polare artico, dovette trattare diversi casi di difterite, un malattia infettiva acuta epidemica causata da esotossina proteica prodotta da "Corynebacterium diphtheriae".

A metà gennaio 1925 l'epidemia iniziò in tutta la città di Nome e sebbene alcuni mesi prima fosse stata richiesta più antitossina difterica (l'unica cura), non ce l'avevano perché la spedizione non poteva arrivare prima che il porto chiudesse per l'inverno. Di fronte all'imminente epidemia, il consiglio comunale decretò la quarantena. Senza antitossina, il tasso di mortalità avrebbe raggiunto il 100% della popolazione.

Il servizio sanitario pubblico tentò di spedirlo con treni, ma Nome stava vivendo la peggiore tempesta invernale conosciuta della sua s

toria e il treno riuscì a raggiungere Nenana , una piccola città dell'Alaska a 1.085 km da Nome.

Le temperature all'interno dell'Alaska hanno raggiunsero il loro punto più basso in 20 anni (-73 °C), con venti di 110 km/h.

Mark Summers del Board of Health propose l'alternativa di portare il siero attraverso slitte trainate da cani, e sebbene questo servizio da Nenana a Nome richiedesse normalmente 25 giorni, si cercò di ridurre i tempi. Furono convocati i migliori mushers (guidatori di slitte) e cani da slitta che avrebbero dovuto viaggiare giorno e notte affinchè il siero arrivasse in tempo e salvare quante più vite possibili a Nome. In 20 giorni 20 musher hanno portato in slitta il carico di antitossine lungo il percorso di 1.085 km.

Leonhard Seppala e il suo gruppo di cani guidati da "Togo", un husky siberiano di 12 anni, hanno dovuto coprire le sezioni più lunghe e pericolose, la scorciatoia attraverso Norton Sound , una baia che si congela in inverno, attraverso la quale era possibile anticipare di un giorno il viaggio. Ma il ghiaccio era instabile e poteva rompersi, inoltre bisognava attraversare aspre colline di neve e strati di ghiaccio levigato dal vento, dove i cani riuscivano a malapena a trovare un punto d'appoggio. Togo avrebbe guidato la sua squadra per 563 km.

cane togo
Con la notizia che l'epidemia stava peggiorando, Seppala decise di affrontare la tempesta ed entrò nel ghiaccio di Norton Sound. Togo guidò la sua squadra attraverso l'oscurità, arrivando alla stazione di Point di Isaac dove la squadra ebbe appena il tempo di riposare e partì alle 2 del mattino al culmine della tempesta per tornare sulla via del ritorno. La squadra corse sul ghiaccio che iniziava a rompersi lungo il litorale e dovette affrontare la loro ultima sfida: scalare una montagna di 1.500 metri e attraversare Little McKinley Mountain.

Dopo aver attraversato la montagna, Seppala consegnò il carico di antitossine all'ultima squadra che avrebbe avuto il compito di portare il siero a Nome. Questa squadra era guidata dal musher Gunnar Kaasen e dal suo cane guida Balto che riuscirono a consegnare la spedizione senza rompere nessuna delle fiale di antitossina.

Per quest'ultima sezione, la stampa ha sottolineato il valore di Balto, considerandolo come l'eroe di Nome, mentre la popolazione dell'Alaska ha esultato per Togo, il vero eroe.

Le diverse squadre hanno percorso un totale di 1.085 km in 127 ore e mezza, che è stato considerato un record mondiale, un risultato incredibile considerate anche le condizioni avverse: temperature sotto lo zero, tempeste di neve e venti fortissimi. Diversi cani sono morti con grande coraggio durante il viaggio.

Come ho detto all'inizio di questa notizia, una statua di Balto è stata costruita a Central Park, ma nel 2011 il Times ha conferito a Togo il titolo di "animale più coraggioso della storia".

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->