Mercoledi' 30 Settembre 2020

Come vengono addestrati i cani guida per i disabili?

Il cane di servizio o cane guida è un animale addestrato fin dalla tenera età per fornire assistenza, aiuto e supporto alle persone con disabilità fisiche o mentali. Dopo una formazione specifica, questi cani possono dare un grande aiuto a tantissime persone portatori di handicap, aiutandole nella loro vita quotidiana e diventando molto più che semplici animali domestici.

I cani guida aiutano le persone a superare i limiti imposti da un particolare handicap o le sfide che si presentano quando si muovono nel loro ambiente. In teoria, chiunque abbia un disturbo fisico o mentale che impedisce loro di vivere una vita completamente indipendente può adottare un animale di servizio.

Che cos'è un cane guida per i disabili?

Un cane guida viene allevato e addestrato per insegnargli come aiutare e supportare le persone con disabilità. L'animale seguirà un corso di formazione in più fasi che lo aiuterà a sapere come rispondere a determinate richieste. Il cane di servizio è anche un compagno che condivide la vita quotidiana della persona; sostiene il suo "amico umano" più di quanto si mostri dipendente da esso, per aiutarlo quotidianamente ad affrontare il suo ambiente e le sue esigenze. Aiuta anche i bambini disabili a sviluppare la loro socializzazione.

Il cane di servizio per i disabili deve conoscere e affrontare diversi tipi di disabilità motorie e mentali e dovrebbe essere distinto dal cane guida per i non vedenti, che è l'unico in grado di accompagnare i non vedenti.

cane guida disabili

Le qualità di un cane guida

I cani guida non devono necessariamente appartenere a una razza specifica, ma devono essere calmi, obbedienti, affettuosi e degni di fiducia per poter interagire in ambienti pubblici senza problemi. Altre qualità ricercate in questi animali di servizio sono:

  • Ottima capacità di apprendimento
  • Atteggiamento non aggressivo
  • Buona risposta a suoni e stimoli

Tra le razze più diffuse e selezionate troviamo il Golden Retriever, il Labrador, il Malinois belga (intelligente e con buone capacità fisiche) e l'Alaska Malamute (fedele, laborioso e molto gentile).

Tipi di cani guida in base alla disabilità


  • Cani di assistenza per persone con disabilità fisiche. Addestrati per raccogliere oggetti sul terreno, accendere luci, aprire e chiudere ante e cassetti, ecc.

  • Cani di servizio per non udenti. Addestrati per avvisare il loro padrone di insoliti suoni (campanelli, telefono, pianto del bambino, voci, sveglie, ecc.) e portarli vicino alla fonte del rumore.

  • Cane di servizio per ipovedenti. Conosciuto anche come cane guida.

  • Cani di assistenza per allarmi ed emergenze. Formati per tenere compagnia agli anziani o alle persone con affetti da diabete o epilessia e cercare aiuto se necessario.

  • Cani di assistenza per persone con autismo. Questi sono tipi di cani da terapia che aiutano ad evitare o mitigare il comportamento stereotipato e distruttivo associato all'autismo. Questi animali instaurano un legame forte ed intenso con i loro proprietari, permettendo loro di migliorare la comunicazione fornendo allo stesso tempo stimolazione sensoriale e sicurezza.

  • Cani per terapia assistita. Questo tipo di trattamento consente di formare un legame tra la persona e l'animale a fini terapeutici ed educativi. I cani da terapia sono utilizzati nel caso di persone con disturbi mentali, in case di riposo, centri di cura o centri di trattamento della dipendenza.

Come vengono addestrati i cani guida?

Un cane non diventa un cane da assistenza durante la notte. La sua formazione inizia in tenera età e risponde ad allenamenti rigorosi e obbligatori.

1. SELEZIONARE IL CANE
La selezione è il primo passo nella formazione. I cuccioli vengono scelti da rinomati allevatori e devono provenire da genitori registrati al fine di evitare i rischi di difetti genetici di cui entrambe le razze possono essere vittime.

In termini di carattere, il cucciolo non dovrebbe essere troppo solo, impaurito o stressato, perché potrebbe avere difficoltà a sottomettersi agli ordini del suo futuro padrone.
2. LA FAMIGLIA OSPITANTE
Il cucciolo selezionato si unisce alla sua famiglia adottiva dall'età di 7 settimane e questo, per un periodo di 16 mesi. La famiglia ospitante deve partecipare alla socializzazione del cane e alla sua educazione preliminare al fine di renderlo un animale equilibrato, pronto per essere integrato nella società e addestrato da un educatore. Inizierà a imparare circa 30 semplici ordini e a soddisfare alcune delle esigenze del suo futuro "maestro" disabile, tra cui le basi "sedersi", "fermarsi", "in piedi" e "non muoversi".

Il cucciolo scopre gradualmente i luoghi pubblici che frequenterà in futuro, e viaggia in treno e in auto per prepararsi alla nuova routine. Inoltre, la famiglia affidataria avrà anche il compito di giocare con il cane, accompagnarlo, coccolarlo e curarlo.

cane per disabili
3. FORMAZIONE CON EDUCATORE SPECIALIZZATO
Dopo i 16 mesi passati con la famiglia affidataria, il cane ha acquisito le basi di una corretta educazione e le regole di condotta che gli permetteranno di diventare ufficialmente un cane di servizio per i disabili.

Per 6 mesi, vale a dire dai 18 ai 24 mesi, impara attraverso il gioco. Segue sessioni di allenamento con educatori, condivide momenti di gioco, passeggiate e riposo, in rispetto del suo equilibrio biologico, fisiologico e psicologico.

Durante questo periodo, impara fino a 52 comandi e non si "laureerà" fino a quando non sarà in grado di soddisfarli perfettamente. Esegue i suoi esercizi in un contesto che evoca la famiglia e impara a padroneggiare i suoi istinti di caccia a contatto con animali che potrebbero diventare prede, come gatti, uccelli, roditori o conigli.

All'esterno, impara a soddisfare le esigenze del suo futuro maestro accompagnando l'educatore in vari luoghi pubblici come negozi, mercati o luoghi di ritrovo. Impara ad accompagnare una sedia a rotelle, vale a dire a camminare al suo fianco senza ostacolarne il cammino e ad aspettare tutto il tempo necessario.

Dopo 6 mesi di addestramento, il cane è in grado di assistere una persona disabile e adattarsi ai suoi bisogni senza essere disturbato da ciò che lo circonda.
4. TRASMISSIONE
Dopo l'addestramento, il cane prende parte a un corso di adattamento e trasmissione. I test vengono fatti con diversi cani in modo che il futuro padrone possa scegliere quello che più gli si addice e viceversa. L'incontro è importante!! Nessuna relazione dovrebbe mai essere imposta o forzata; il cane, come il padrone, deve sentire che sono fatti per stare insieme.

Inizia quindi uno stage di 2 settimane. La persona disabile segue corsi teorici e applicazioni pratiche al fine di apprendere il ruolo del cane, il suo compito quotidiano e le sue esigenze. Prima di affrontare la vita all'aperto, il futuro proprietario e il cane si scoprono e imparano a lavorare insieme nel centro di addestramento, .

Verrà imposto un esame finale alla "coppia" formata. Per la sicurezza e il benessere di tutti, i formatori valuteranno la loro capacità di andare d'accordo e quella del disabile di far lavorare il suo animale e di controllarlo in tutti i tipi di contesti.

Questa nuova "coppia" non verrà lasciata sola a se stessa. Gli educatori continueranno a monitorare i loro progressi a casa del disabile.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->