Mercoledi' 4 Agosto 2021

Cosa fare se il tuo gatto ha i vermi e come evitarli

  • Pubblicato il:  17/12/2020

Foto Cosa fare se il tuo gatto ha i vermi e come evitarli

Pensi che il tuo gatto abbia i vermi? Ecco come fare a scoprirlo e cosa bisogna fare se li ha. I vermi intestinali nei gatti sono molto comuni ma sono anche relativamente facili da trattare e la maggior parte dei gatti si riprende completamente. Inoltre, ci sono semplici regole che puoi adottare per prevenire i vermi nei gatti e aiutare a proteggere il tuo animale domestico da questi parassiti.

Quali vermi intestinali infettano i gatti?

Esistono diversi tipi di vermi intestinali che possono infettare i gatti, ognuno con le proprie caratteristiche. Ecco i tre parassiti più comuni:

  • Nematodi. I nematodi (chiamati anche ascaridi ) sono lunghi vermi rotondi marroni che sembrano spaghetti cotti, e sono il parassita intestinale più comune nei gattini.

  • Tenie. Le tenie sono parassiti lunghi, bianchi, piatti e segmentati con parti della bocca a forma di uncino che usano per attaccarsi alle pareti intestinali dei gatti. Segmenti di tenia adulta (chiamati proglottidi) si spezzano e vanno a finire nella cacca del gatto infetto. Questi proglottidi sembrano chicchi di riso che si muovono e possono essere visti nella cacca o intorno all'estremità posteriore dei gatti infetti.

  • Hookworms. Gli anchilostomi sono meno comuni nei gatti rispetto ai nematodi e alle tenie, il che è positivo perché sono parassiti particolarmente pericolosi. A differenza di altri vermi che assimilano cibo e acqua nell'intestino del gatto, gli anchilostomi succhiano il sangue.

  • Whipworms. Possono infettare l'intestino dei gatti, anche se accade raramente. I tricocefali felini sono più comuni nelle regioni tropicali.
Magari avrai letto di un altro tipo di verme che può infettare i gatti, chiamato filariosi. Ma a differenza degli altri tipi di vermi, che vivono nell'intestino del gatto, questi parassiti infettano il cuore e i polmoni, causando una condizione chiamata filariosi cardiopolmonare. La prevenzione della filariosi cardiopolmonare è fondamentale, poiché può essere fatale per i gatti.

In che modo i gatti si infettano con i vermi?

I vermi nei gatti provengono da diversi varietà di fonti, tra cui topi, pulci e persino il latte materno.

  • Nematodi. I gattini contraggono i nematodi attraverso il latte di una madre infetta. Sia i gatti adulti che i gattini possono essere infettati mangiando uova di nematodi dalla cacca di un cane o di un gatto infetto e consumando larve di nematodi dalla carne di un topo infetto o di un altro piccolo animale.

  • Tenie. I gatti non vengono infettati mangiando le uova trasportate dai proglottidi. ma mangiando pulci infette o piccoli animali infetti come topi, scoiattoli e conigli.

  • Hookworms. Gli anchilostomi rilasciano le loro uova nelle feci di un animale infetto, che in seguito si schiuderanno in piccoli anchilostomi che vivono nel terreno. I gatti si infettano mangiando piccoli anchilostomi dal terreno o mangiando un roditore, un uccello o uno scarafaggio infetto. I piccoli anchilostomi sono anche in grado di infettare i gatti penetrando attraverso la loro pelle e migrando verso l'intestino.

Come puoi sapere se il tuo gatto ha i vermi?

I segni e i sintomi dei vermi nei gatti variano in base al parassita e possono dipendere da quanti vermi ha il gatto. Spesso i gatti con vermi intestinali non mostrano alcun sintomo specifico.

  • Nematodi. Alcuni dei segni comuni di un'infezione da nematodi includono diarrea, perdita di peso, stanchezza, pelo poco brillante, problemi di crescita (il che significa che i gattini non crescono come dovrebbero) e talvolta vomito. I gatti con un numero elevato di questi vermi possono soffrire di anemia (il che significa che non hanno globuli rossi sufficienti per trasportare l'ossigeno di cui il loro corpo ha bisogno) e blocchi intestinali.

  • Tenie. Il più delle volte, i gatti con la tenia non hanno alcun sintomo. I segni clinici più comuni notati dai proprietari sono la presenza di segmenti di tenia nella cacca del loro gatto o nella parte posteriore sotto la coda. Vomito, diarrea e o problemi intestinali possono verificarsi nei gatti con un numero elevato di vermi.

  • Hookworms. Al di là dei tipici segni di infezione come la diarrea, i parassiti che succhiano il sangue possono causare anemia grave e persino morte improvvisa. I gattini sono i più a rischio. Un'altra caratteristica unica degli anchilostomi è che possono causare ferite e infezioni laddove si insinuano nella pelle, soprattutto sulle zampe e sulla pancia.

Come vengono diagnosticati e trattati i vermi nei gatti?

Sebbene i vermi intestinali possano causare seri problemi ai gatti, di solito è una condizione curabile.

  • Nematodi. La diagnosi viene spesso eseguita con un test di galleggiamento fecale, che prevede l'utilizzo di un microscopio per cercare le uova di nematodi in un campione di cacca del gatto. E poiché i gatti possono avere nematodi senza mostrare alcun segno, si consiglia di utilizzare un test di galleggiamento fecale per proteggere i gatti almeno una volta all'anno.

    Ai gatti infettati da nematodi viene in genere somministrato un farmaco antiparassitario per via orale, che inizierà immediatamente a uccidere i vermi. I gatti con un numero elevato di nematodi possono aver bisogno di dosi multiple. Poiché i nematodi sono così comuni nei gattini, di solito vengono somministrati farmaci antiparassitari come prevenzione.

  • Tenie. La tenia viene spesso diagnosticata dal proprietario o dal veterinario vedendo i segmenti nella cacca del gatto o tra i peli dell'ano. Purtroppo, i test fecali non sono così efficaci nel diagnosticare la tenia.

    Il trattamento della tenia prevede una singola dose di un vermifugo per via orale. Poiché le pulci sono una via comune di infezione, è importante trattare sia le pulci che la tenia con prodotti preventivi per le pulci

  • Hookworms. Come per i nematodi, un test di galleggiamento fecale può essere utile per trovare le uova di anchilostomi nella cacca del gatto.

    Come con gli altri due tipi di vermi intestinali, il trattamento prevede un farmaco antiparassitario per via orale. Poiché gli anchilostomi possono causare seri problemi e la reinfezione è comune, potrebbero essere necessari più trattamenti per prevenzione. I farmaci usati per prevenire la filariosi cardiopolmonare e i parassiti intestinali possono essere utilizzati sia per trattare che per prevenire l'infezione.

La prevenzione dei vermi nei gatti è più facile del trattamento

Il modo migliore per prevenire i vermi intestinali è mantenere il gatto sotto farmaci preventivi per tutto l'anno. Molti prodotti preventivi contro la filariosi cardiopolmonare possono proteggere il tuo gatto da nematodi e anchilostomi, e gli antiparassitari svolgono un ruolo importante nella protezione dei gatti dalla tenia. Il veterinario potrà aiutarti a trovare le migliori opzioni per il tuo animale domestico.

Poiché i gatti possono avere vermi intestinali senza mostrare alcun segno, sottolineiamo l'importanza di sottoporre il gatto a uno screening una volta all'anno. Ciò comporta prelevare un campione di cacca del tuo gatto in modo che il tuo veterinario possa eseguire un test di galleggiamento fecale per cercare le uova dei parassiti.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli