Lunedi' 19 Aprile 2021

Gatti e carboidrati: fanno bene o male?

  • Pubblicato il:  18/03/2021

L'utilizzo dei carboidrati nel cibo per gatti è tutt'ora controverso. Alcuni lo considerano una buona fonte di energia, altri annoverano i carboidrati tra le possibili cause dell'aumento dell'obesità felina e del diabete. In ogni caso, è stato confermato che i gatti non riescono a digerire i carboidrati come fanno altri animali e gli esseri umani.


Se stai cercando di capire gli effetti dei carboidrati sui gatti e ne vuoi ridurne l'assunzione questo articolo ti spiega come farlo in sicurezza.

I gatti hanno bisogno di carboidrati nella loro dieta?

Gli antenati selvatici del gatto domestico erano carnivori e le prede uccise e consumate contenevano solo piccole quantità di carboidrati. Il gatto domestico assomiglia molto al suo antenato selvatico. Gli studi dimostrano che i gatti domestici bilanciano il loro apporto di macronutrienti selezionando cibi a basso contenuto di carboidrati.

Inoltre, i gatti selvatici consumano piccole prede, inclusi roditori e uccelli, che sono ricchi di proteine, con moderate quantità di grassi e con pochissimi carboidrati. Questo fatto hanno scatenato diverse diatribe sulle diete ricche di carboidrati che molti ritengono potrebbero essere dannose per la salute del gatto e predisporre allo sviluppo dell'obesità felina o del diabete.

Per comprendere meglio il metabolismo dei nostri felini, alcuni ricercatori hanno raccolto informazioni e valutato le diete ad alto contenuto di carboidrati come fattore di rischio per lo sviluppo dell'obesità o del diabete nei gatti, nonché l'utilizzo di diete a basso contenuto di carboidrati per la prevenzione e il trattamento di queste malattie metaboliche.

Secondo lo studio, gli alimenti per gatti più comuni forniscono tra il 20% e il 40% dell'energia metabolizzabile sotto forma di carboidrati. Gli ingredienti a base di carboidrati, come cereali, patate o legumi, sono importanti per la lavorazione del cibo per i nostri animali domestici, poiché è necessario un certo livello di amido per una corretta lavorazione del prodotto secco e per fornire la consistenza delle crocchette stesse.

Tuttavia, i gatti hanno una bassa capacità di digerire l'amido a causa delle peculiarità evolutive dei loro enzimi intestinali. Addirittura, l'amilasi salivare, responsabile dell'avvio della digestione dell'amido già a partire della saliva, è molto limitata. Ed in generale, sebbene l'amilasi intestinale avvenga nel pancreas e nel chimo dei gatti, questa attività è molto ridotta rispetto ad altri animali.

Gli scienziati hanno quindi confermato che "sembra esserci una limitata capacità di adattamento da parte dei gatti a questi nutrienti, il che rende i carboidrati poco digeribili e
quantità eccessive possono sviluppare un substrato per la fermentazione microbica nel colon
".

In parole semplici, un'elevata assunzione di carboidrati nei gatti aumenta le concentrazioni di acidi organici del colon e fecali, oltre a ridurre il pH intestinale, e può causare effetti digestivi negativi, come diarrea, flatulenza e gonfiore.

Per questo motivo, esistono già alternative al cibo per gatti che tengono conto di questi aspetti e sono a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto di proteine,

Obesità e diabete nel gatto e influenza dei carboidrati

Ad oggi, oltre il 50% dei gatti nei paesi industrializzati è in sovrappeso o obeso L'obesità è considerata il problema nutrizionale numero uno nei gatti e rappresenta un rischio significativo per la salute della popolazione felina . L'obesità predispone i gatti a gravi problemi di salute, come l'insulino-resistenza, il diabete mellito, le malattie del tratto urinario inferiore, l'artrosi e alcuni problemi della pelle.

Ci sono molti fattori di rischio che influenzano l'equilibrio tra consumo e assunzione di calorie. A causa della discrepanza nel contenuto di carboidrati tra una dieta predatoria naturale e gli alimenti commerciali tradizionali attualmente disponibili, l'assunzione eccessiva di carboidrati è spesso considerata come la principale causa di obesità felina. Anche il contenuto di grassi del cibo sembra essere responsabile dell'aumento di peso nei felini.

I gatti obesi hanno fino a quattro volte più probabilità di sviluppare il diabete mellito. Alcuni ricerche hanno studiato l'effetto dei livelli di macronutrienti sul metabolismo del glucosio e dell'insulina. È stato riscontrato che una dieta ad alto contenuto di carboidrati aumenta i livelli di glucosio nel sangue e di insulina postprandiale, rispetto a una dieta a basso contenuto di carboidrati. Tuttavia , non è stato ancora confermato come il contenuto di proteine ​​e carboidrati della dieta influenzi la resistenza all'insulina.

Carboidrati buoni e cattivi che i gatti possono mangiare

La maggior parte dei gatti può tollerare bene gli amidi (polisaccaridi). Gli amidi sono carboidrati complessi e possono essere digeriti in modo diverso dagli zuccheri semplici. Tra gli amidi (cotti) che i gatti possono digerire meglio troviamo: Mais, Piselli verdi, Lenticchie. Per ottenere una dieta sana ed equilibrata, l'amido deve essere bilanciato con altri macronutrienti come proteine ​​e grassi.

Ci sono anche carboidrati difficili da digerire per i gatti. Ad esempio, i gatti non possono tollerare il saccarosio. Il saccarosio viene scomposto con l'enzima saccarasi. I gatti hanno enzimi saccarasi nell'intestino tenue, ma la loro attività è molto bassa. In teoria, se i gatti consumano più di 7 g di glucosio per kg di peso (o se più del 36% del cibo contiene saccarosio), è probabile che gli effetti collaterali siano significativi: gonfiore, flatulenza, letargia e diarrea. Fortunatamente, il saccarosio viene aggiunto raramente al cibo per gatti (almeno non in quantità significative).

Carboidrati nel cibo per gatti

Il mangime commerciale può contenere fino al 55% di energia sotto forma carboidrati, lasciando spazio a un contenuto minimo di proteine ​​e grassi.

Ultimamente, gli il cibo secco (crocchette) per gatti più comune fornisce tra il 20% e il 40% di energia sotto forma di carboidrati. Anche le diete umide hanno alte percentuali di questi nutrienti in quanto contengono agenti gelificanti che sono generalmente a base di carboidrati.

Si discute molto sulla giusta quantità di carboidrati da inserire nel cibo per gatti. Molte diete commerciali contengono più carboidrati di quanti ne consumerebbe un gatto selvatico. Inoltre, le differenze nello stile di vita dei gatti domestici e selvatici, come la sterilizzazione o le abitudini rilassate in appartamento, possono influenzare ulteriormente il contenuto ottimale dei nutrienti nella dieta.

Il mio gatto è allergico ai carboidrati?

Sebbene la maggior parte dei gatti possa digerire gli amidi (cotti), alcuni potrebbero essere intolleranti o allergici a determinati cereali o verdure.

I sintomi allergici sono:

- Diarrea
- Vomito
- Respiro affannoso o mancanza di respiro
- Pelle infiammata o pruriginosa
- Lacrimazione eccessiva

Il passaggio al cibo ipoallergenico per gatti di solito aiuta, poiché questi alimenti non includono gli allergeni scatenanti (come il mais).

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli