Sabato 21 Luglio 2018

Glicemia alta nel Gatto

  • Pubblicato il:  16/06/2018
Foto Glicemia alta nel Gatto

Collegamenti sponsorizzati
Il termine iperglicemia, o glicemia alta, è una condizione in cui i livelli di glucosio nel sangue del gatto sono più alti del normale. Il glucosio è uno zucchero carboidrato semplice che si trova anche nel sangue dei nostri animali, ed è una fonte importante di energia per il corpo, e i cui valori normali variano tra 75-120 mg.

L'insulina, un ormone prodotto e rilasciato dal pancreas del gatto nel flusso sanguigno quando aumentano i livelli di glucosio, svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento dei valori di zucchero nel sangue. Se la concentrazione di insulina è troppo bassa o c'è una carenza assoluta di insulina, i livelli di glucosio aumentano bruscamente portando all'iperglicemia.

Cause di glicemia alta nel Gatto

Alcune delle cause dell'iperglicemia felina possono essere la pancreatite e la conseguente incapacità di produrre insulina; problemi ormonali, soprattutto nei gatti di sesso femminile; una cattiva alimentazione e alcune infezioni (come la parodontite o le infezioni del tratto urinario).

I gatti di mezza età e quelli anziani sono più a rischio di sviluppare iperglicemia, e nessuna razza è particolarmente incline a questa condizione. I gatti maschi castrati sono a maggior rischio, così come quelli che vivono periodi di stress, dove i livelli di glucosio possono raggiungere 300-400 mg.

In questi casi, spesso si tratta di un aumento temporaneo della glicemia e, anche se merita sempre una valutazione veterinaria, potrebbe non essere causa di iperglicemia cronica o diabete mellito felino.

A parte le situazioni di stress, le interazioni farmacologiche (come quelle con per la filaria) e l'assunzione di integratori contenenti glucosio, ecco quali sono le potenziali cause di iperglicemia nel gatto:

Basso consumo di glucosio che porta a livelli ematici elevati
- Diabete mellito
- Pancreatite acuta
- Alti livelli di progesterone
- Insufficiente escrezione di rifiuti da parte dei reni

Elevata produzione di glucosio:
- Iperadrenocorticismo
- Feocromocitoma
- Glucagonoma
- Neoplasia pancreatica

Cause fisiologiche:
- Sforzo
- Eccitazione
- Stress

Infezioni.
- Infezioni possono aumentare i livelli di zucchero nel sangue
- Infezione dentale
- Infezione al rene
- Infezione del tratto urinario

Collegamenti sponsorizzati

Sintomi di iperglicemia nel Gatto

I sintomi clinici possono variare a seconda della malattia o della condizione di base. Il gatto potrebbe non mostrare alcun sintomo, soprattutto se si tratta di un aumento temporaneo, ormonale o iperglicemia indotta da stress. Alcuni dei sintomi più comuni sono:

  • Aumento della sete (polidipsia)
  • Aumento della minzione (poliuria)
  • Depressione
  • Perdita di peso
  • Obesità
  • Fame eccessiva
  • Disidratazione
  • Cataratta
  • Occhi arrossati (a causa di vasi sanguigni infiammati)
  • Fegato ingrossato
  • Danni ai nervi delle zampe
  • Ferite non cicatrizzanti, l'infezione aumenta perchè l'eccesso di zucchero favorisce la proliferazione di agenti fungini e batterici

Diagnosi

Per diagnosticare la presenza di glicemia alta nel gatto, il veterinario eseguirà alcuni esami del sangue e delle urine. Il veterinario valuterà i livelli di zucchero nel sangue , in alcuni casi, l'unico risultato anomalo sarà il valore aumentato della glicemia che, come abbiamo detto, possono essere legati a condizioni temporanee, come stress o problemi ormonali transitori. A meno che non sia presente qualche altra malattia, tutti gli altri risultati sono spesso normali.

L'analisi delle urine può rivelare livelli elevati di zucchero, pus, batteri e la presenza di corpi chetonici, presenti in caso di diabete. Anche bassi livelli di insulina accompagnati da alti livelli di glucosio nel sangue sono anche indicativi del diabete mellito.

Elevati valori di enzima lipasi e amilasi indicano infiammazione nel pancreas. In alcuni casi sono presenti anche livelli di enzimi epatici più elevati causati da depositi di grasso nel tessuto epatico. Radiografie e una ecografia addominale possono fornire informazioni importanti sulla malattia.

A volte, il veterinario potrebbe richiedere test più specifici per diagnosticare la causa dell'iperglicemia. Avrà bisogno della storia medica completa del gatto, della comparsa dei sintomi e di eventuali incidenti che potrebbero aver portato a questa condizione, come eventi stressanti. La vostra analisi può dare al veterinario indizi sul fatto che i sintomi secondari possano essere causati da problemi ad un organo, come le malattie non diagnosticate del pancreas (ad es. pancreatite , amiloidosi ).

Se il vostro gatto ha avuto qualche infezione, dovreste parlarne con il veterinario, perché potrebbe essere ancora presente e causare un innalzamento del glucosio.

Trattamento

Come avete visto, le cause di un innalzamento dei livelli di glucosio nel sangue del gatto possono essere numerose, ed il trattamento dipende dalla correzione della causa sottostante. In caso di aumento fisiologico dei livelli di zucchero nel sangue, lo stress dovrà essere ridotto al minimo o eliminato del tutto.

Non è mai consigliato tentare di diminuire bruscamente i livelli di zucchero nel sangue in quanto può portare a ipoglicemia o a livelli più bassi di zucchero nel sangue. Nei gatti diabetici le fluttuazioni del livello di glucosio sono comuni e l'aggiustamento della dose di insulina o di altri farmaci può aiutare a risolvere il problema.

Ci sono alcune situazioni in cui i livelli di glucosio nel gatto sono alti ma non necessitano di un aumento di insulina, anzi, possono persino aggravare ala situazione. Solo il veterinario è in grado di determinare come regolare i livelli di insulina.

Se pensate che il vostro gatto abbia problemi di glucosio nel sangue, non mangia, vomita, è letargico o mostra altri problemi, andate subito dal veterinario.

Come posso monitorare la glicemia del mio Gatto?

Esistono due modi per misurare i livelli di glucosio nel sangue:

  • Utilizzare un glucometro per vedere i livelli di glucosio in quel determinato momento
  • Fai eseguire al gatto un test per i valori di emoglobina glicosilata almeno due volte l'anno per monitorare la glicemia media negli ultimi 2 o 3 mesi

Sintomi di chetoacedosi nel Gatto

La chetoacidosi diabetica nei gatti è un'emergenza veterinaria che si verifica quando i livelli di glucosio nel corpo sono alti e l'ormone dell'insulina è praticamente assente, quindi l'animale utilizza il grasso come fonte di energia.

Il metabolismo del grasso crea chetoni, che si accumulano nel sangue e nelle urine. Se i chetoni iniziano ad apparire nelle urine, bisogna agire rapidamente per evitare che il gattino entri in coma diabetico.

L'unico trattamento possibile è la somministrazione per via endovenosa di liquidi e la stabilizzazione dell'insulina fino a quando il gatto non si stabilizza. I sintomi della chetoacidosi felina comprendono letargia, debolezza, inappetenza, diarrea, vomito, respiro affannoso e rapido, e nei casi più gravi, perdita di coscienza.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   4  Persone hanno inserito un Commento

Ettore Curtino27/06/2018 | Rispondi

Ciao, prima di tutto volevo congratularmi con Mondopets che è diventato il mio punto di riferimento per il mio gatto.
Sto cercando per un misuratore di glucosio per il mio gatto, ma molti mi dicono che sono solo per le persone ...

mi potete consigliare qualche marca e dove posso comprarne uno ?
Grazie.

Carlo Messina27/06/2018 | Rispondi

Ciao, so che i glucometri che vengono usati per i gatti o nei cani sono gli stessi delle persone. Non l'ho mai usato, ma molte persone che li usano si lamentano del fatto che alcuni glucometri non danno i valori reali. Prima di acquistarne uno, assicurati con il tuo veterinario che indichi i valori effettivi inferiori a 50 e superiori a 500.

Sul mercato è possibile comprare un misuratore chiamato AccuBioTech. Bene, dovrebbe essere calibrato per cani e gatti, ma ti ripeto, meglio farsi consigliare dal proprio vet.

Luca Cataldi26/06/2018 | Rispondi

Il mio gatto ha avuto una lipidosi epatica e ora soffre di diabete e non mangia. Pesa 3 kili e il veterinario mi ha prescritto prozinc ogni 12 ore.

Bruno Rossi27/06/2018 | Rispondi

Se non mangia, potrebbe aggravarsi e la lipidosi è una malattia molto seria. Non so da quanto tempo usi Prozinc o quale dose stai somministrando, nè tantomeno i livelli di glucosio che ha il tuo gattino, ma ti consiglio di non sottovalutare il problema e chiama il veterinario.

Articoli da non perdere