Venerdi' 7 Maggio 2021

Come le api producono il miele

  • Pubblicato il:  05/01/2021

Una delle domande più ricorrenti in rete è "come fanno le api a fare il miele"? Il mondo dell'apicoltura è davvero affascinante; di curiosità sulle api ce ne sono tante e una più interessante dell'altra. In questo articolo ci concentreremo su quel cibo dolce e denso che le api fanno: il miele. Ti sei mai chiesto come fanno le api il miele e per cosa lo usano? È vero che il miele è prodotto dal vomito delle api? Il miele scade? Esistono diversi tipi di miele?

Se sei interessato continua a leggere, e noi ti daremo le risposte a queste e ad altre domande. Parleremo del processo di formazione del miele da quando le api vanno sui fiori fino a quando l'apicoltore lo estrae dai favi. Non perdertelo!!

Come fanno le api a produrre il miele?

Iniziamo, passo dopo passo, a conoscere come le api producono il miele e come lo conservano nei loro favi.

  • Il processo di formazione del miele inizia nel momento in cui le api operaie lasciano l'alveare per andare alla ricerca di fiori ricchi di nettare.

  • Il nettare viene preso o sorseggiato dalle api grazie alla loro lunga lingua. È importante notare che il nettare è un liquido ricco di zuccheri che le piante secernono per attirare insetti come le api per impollinarli.

  • Dopo aver preso il nettare, lo immagazzinano temporaneamente in una parte di "stomaco" (raccolto di miele), che è diverso da quelle che usano per nutrirsi.

  • Quando sono piene, tornano all'alveare, dove, con una curiosa danza, indicano al resto delle api dove si trovano esattamente i fiori che hanno trovato per continuare il lavoro di raccolta.

  • Adesso le api svuotano i raccolti del nettare e lo danno ad altre api, che effettuano la cosiddetta manovra di aerazione. Consiste nell'inghiottire e rigurgitare più volte il nettare per circa 20 minuti in modo affinchè perda umidità, ma anche per aggiungere alcuni enzimi presenti nelle colture di miele.

  • Quando ha raggiunto la giusta consistenza, procedono a immagazzinare il liquido prodotto nel favo, che non può ancora essere chiamato miele, poiché ha bisogno di perdere ancora un po 'di umidità.

  • Per fare questo, muovono le ali finché non ottengono una consistenza adeguata, che è inferiore al 20% di umidità. Ciò impedirà la fermentazione.

  • Infine, quando avranno già fatto il miele, lo ricoprono e lo sigillano con la stessa cera con cui realizzano il favo, sotto forma di un sottile strato chiamato opercolo (questa azione è chiamata "opercolare" in gergo apistico) .

Per cosa usano il miele le api?

Ora che conosci come viene prodotto il miele, vorrai sapere perché le api lo producono? Ovviamente le api non producono miele per gli esseri umani, anche se, fortunatamente per noi, ne producono più di quanto ne hanno bisogno per loro stesse.

Le api da miele usano come cibo, in quanto la fioritura avviene principalmente durante la primavera. In questo modo, si assicurano di avere riserve di cibo per tutto l'anno (simile a quello che accade alle formiche, solo che raccolgono cibo durante l'estate).

Inoltre, usano il miele anche per mescolarlo, insieme agli enzimi salivari, al polline che raccolgono dai fiori; miscela che conservano nel favo per un po'. Lo fanno perché il polline è il cibo delle larve e delle api appena nate.

Il miele viene vomitato dalle api?

Abbiamo detto prima che le api ingoiano e rigurgitano il nettare per un po' per trasformarlo in miele, quindi possiamo considerare il miele come vomito d'api? No, non lo è.

Perché ? Ebbene, prima di tutto, perché lo stomaco dove viene immagazzinato il nettare non è uno stomaco in quanto tale, ma è strutturato per fare il miele ed è per questo che è chiamato raccolto di miele. In secondo luogo, la trasformazione da nettare a miele ha bisogna anche in altri passaggi esterni all'animale, come sbattere le ali per rimuovere tutta l'umidità possibile per evitare la fermentazione.

Quindi, il vomito non è la stessa cosa del rigurgito, che è quello che fanno le api e, inoltre, non proviene dal loro stomaco che usano per digerire il loro cibo.

Tutte le api producono il miele?

Un altro fatto molto curioso sul mondo delle api è che ci sono circa 20.000 specie di api. E la cosa più curiosa è che, di tutte, ci sono solo 5 specie di api possono produrre miele.

Di queste 5, la più prolifica è l'Apis mellifera, che a sua volta ha diverse sottospecie.. L'ape mellifera si trova quasi in tutto il mondo, tranne ai poli (poiché lì non c'è fioritura) e in alcune parti dell'Asia.

Tipi di miele prodotto dalle api

Il miele può avere origine monofloreale o multiflorale. Diciamo che è miele monofloreale quando si tratta di più del 45% di un unico tipo di fiore; sarà invece miele multiflorale o "miele dai mille fiori" quando l'origine del nettare è più eterogenea e diversa, cioè proviene da più specie di fiori.

Tra i mieli monoflorali più conosciuti abbiamo il miele di:

  • Miele di erica
  • Miele di rosmarino
  • Miele di timo
  • Miele di fiori d'arancio
  • Miele di eucalipto
  • Miele di lavanda
  • Miele di Castagno
  • Miele d'api

Ogni miele monoflorale ha un sapore, odore e colore particolari. Così, ad esempio, abbiamo che il miele di fiori d'arancio che ha un colore giallo paglierino con un sapore intenso che ricorda il fiore d'arancio. Altri mieli, come l'erica, sono molto scuri e hanno un sapore più amaro.

Come si estrae il miele dal favo?

Poiché le api producono più miele per se stesse, è possibile estrarne una certa quantità, assicurandosi di lasciarne sempre abbastanza, poiché ricordiamo che è fondamentale prendersi cura di loro.

Vediamo, ora, come fanno gli apicoltori ad estrarre il miele dal favo passo dopo passo:

  • Quando l'apicoltore raccoglie dei favi, la prima cosa che fa è togliere il sottile strato di cera che protegge il miele. Questo può essere fatto con coltelli speciali o con macchine con lame che vengono dette macchine disopercolatrici.

  • Successivamente, i pettini vengono introdotti nell'estrattore. L'estrattore è una macchina che fa girare velocemente i pettini, in modo tale che la forza centrifuga sia preposta all'estrazione del miele dal favo.

  • Infine, il miele estratto e conservato in piccoli depositi, viene lasciato riposare per alcuni giorni. In questo modo, se rimane qualche impurità, può essere eliminata per decantazione (il miele essendo più denso, rimane sul fondo mentre le impurità salgono in superficie).

Il miele scade?

Se ti stai chiedendo quale sia la scadenza del miele, rispondiamo alla tua domanda: il miele conserva tutte le sue proprietà benefiche per molti anni, quindi possiamo dire che il miele non scade.

I mieli che troviamo nei supermercati hanno una data di scadenza sull'etichetta, anche se in genere viene indicato solo perché è obbligatorio. In alcune tombe faraoniche, infatti, è stato ritrovato miele di 3000 anni fa (poiché lo usavano per l'imbalsamazione) ed era in perfette condizioni.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli