Sabato 4 Luglio 2020

Fitoterapia per Cani: curare i cani con le erbe

Cos'è la fitoterapia per cani e a cosa serve? Molto tempo fa, nel mondo, le persone hanno imparato a curarsi con le piante. I principi attivi contenuti in molte piante danno eccellenti risultati in termini di trattamento e guarigione. In natura, anche gli animali hanno imparato ad individuare le piante utili per la loro salute. Grazie alla fitoterapia, adesso possiamo condividere questi benefici con i nostri cani.

Che cos'è la fitoterapia?

La medicina delle erbe è una medicina basata sull'uso di piante ed estratti vegetali. Si basa sugli effetti benefici e sull'interazione dei principi attivi naturali contenuti nelle piante.

Etimologicamente, la fitoterapia deriva dall'antico greco "phytos" = pianta e "therapeuo" = da curare.

Le piante vengono utilizzate dai nostri antenati da tempo immemorabile per curare i loro disturbi e quelli dei loro animali. Di fronte alla consapevolezza di alcuni limiti dei trattamenti farmacologici convenzionali e dei loro numerosi effetti collaterali, stiamo riscoprendo oggi le notevoli qualità delle piante nel trattamento e nella prevenzione delle malattie nella medicina umana e nella medicina veterinaria.

Laddove una moderna medicina "chimica" è composta da una sola molecola, una pianta contiene diversi elementi attivi i cui effetti si sommano e si bilanciano. È proprio da questa interazione che nasce l'efficacia terapeutica delle piante e che viene spiegata la rarità dei loro effetti indesiderati.

fitoterapia con erbe per cani

Quali prodotti di fitoterapia possono essere utilizzati nei cani?


  • Piante medicinali fresche o secche. L'uso di piante medicinali fresche o secche rappresenta la forma più antica e tradizionale du fitoterapia. Ma, prima di poterli utilizzare come rimedio, è necessario estrarne gli ingredienti attivi. Possono essere trovati in tutta la pianta o in parte della pianta: radici, foglie, fiori, semi o frutti.

    I metodi di estrazione dei principi attivi sono tutti fattibili a casa. Differiscono a seconda che il principio attivo da estrarre sia solubile in acqua, olio o alcool.

  • Tisane. Ben noti alle nostre nonne, le tisane includono 3 metodi di preparazione in base alla parte della pianta da utilizzare: infusione, decotto e macerazione. Sono usati per estrarre i principi della pianta quando sono solubili in acqua.

    Una volta raffreddati, possiamo darli da bere al cane... se li accetta e li apprezza. Certo, la tisana non è il modo più semplice per somministrare i rimedi erboristici a un cane, soprattutto perchè il sapore non sempre viene apprezzato dal nostro compagno. E possiamo capirli! I decotti di radice sono generalmente bevande non molto piacevoli da bere, spesso amari e aspri!

    Per questi motivi, si preferiscono preparazioni tradizionali come gli estratti fitostandardizzati (EPS) , che sono più facili e pratici da somministrare, da dosare e che sicuramente contengono gli ingredienti attivi scelti.

    Puoi anche usare una tisana come lozione da applicare sulla pelle del cane con tamponi di cotone sterili . Ad esempio, un'infusione di foglie di ortica (urtica dioica) può aiutare ad alleviare il prurito della pelle, oppure un'infusione di fiori di camomilla romana(chamaemelum nobile) serve per pulire gli occhi che colano in modo naturale.

  • Macerati oleosi. La preparazione di macerati oleosi consente di dissolvere i principi attivi delle piante in olio. Sono preparati con oli vegetali e piante fresche o parzialmente essiccate al sole. Sono utilizzati soprattutto per uso topico con delicati massaggi sulla pelle del cane.

  • Alcol e tinture. I preparati a base di alcool e tintura vengono utilizzati per estrarre i principi attivi dalle piante solubili in alcol. A causa della presenza di alcol, possono essere utilizzati solo esternamente nei cani, in applicazione locale dopo diluizione a 1/10 con acqua.

  • Nebulizzati in capsule. Il nebulizzatore corrisponde ai principi attivi della pianta ridotti a polvere, e messi in capsule che fanno fatte ingerite dal cane. I nebulizzati hanno l'enorme vantaggio di essere molto pratici da usare.

  • EPS. Questa sigla sta per "estratti fluidi di piante fresche standardizzate". Questi prodotti sono considerati i prodotti della moderna fitoterapia perché non sono stati sviluppati fino alla metà degli anni '90 e sono entrati sul mercato solo dai primi anni 2000. Pratico e privo di alcool, i veterinari specializzati in fitoterapia prescrivono questo tipo ai loro pazienti a quattro zampe.
curare cane con le erbe

Le piante sono davvero sicure per il cane?

No! Anche se i rimedi a base di erbe hanno molti meno effetti collaterali rispetto ai medicinali convenzionali, non sono completamente privi di effetti indesiderati. Dopotutto, è la natura produce molte piante velenose! E il cane può anche essere avvelenato da molte piante che, noi umani, consumiamo senza problemi come la cipolla, l'aglio e persino il porro.

Oltre alle piante tossiche, ci sono altre piante conosciute per il loro valore terapeutico hanno principi attivi così potenti che possono interagire con farmaci convenzionali o essere controindicate in casi molto specifici.

Nella medicina umana, l'erba di San Giovanni, usata come antidepressivo naturale, viene spesso citata come esempio per annullare gli effetti della pillola anticoncezionale. Ci molti altri esempi di interazioni pianta-farmaco nella medicina veterinaria! Quindi evitate l'automedicazione e chiedete sempre consiglio al veterinario prima di somministrare medicine a base di erbe al cane.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->