Giovedi' 1 Ottobre 2020

Herpesvirosi nei cani: malattia, sintomi e trattamento

Foto Herpesvirosi nei cani: malattia, sintomi e trattamento

Cos'è l'herpesvirosi nei cani? Come si contrae? Quali sono i sintomi e come può essere curata la malattia? L'herpesvirus canino, noto anche come CVH (Canine Herpes Virus) è una malattia contagiosa e infettiva che può portare a disturbi riproduttivi, infertilità, aborti e/o alla morte del feto. Presente in tutto il mondo, colpisce cani di tutte le età, anche se è potenzialmente fatale solo per i cuccioli appena nati.

Cos'è l'herpesvirus del cane?

Conosciuto anche come CVH (Canine Herpes Virus), l'herpesvirus canino è una malattia infettiva e contagiosa causata da un virus dell'herpes alfa. È una malattia virale fatale, specialmente se colpisce cuccioli che non hanno più di 3 settimane. Sebbene non rappresenti alcun pericolo per l'uomo, questa malattia risulta estremamente contagiosa tra i cani.

Dalla sua scoperta nel 1965, questa malattia continua a mietere vittime, specialmente durante il parto delle cagne infette. Se avete pianificato un accoppiamento del vostro cane femmina, è importante capirne di più sulla malattia per proteggere al meglio l'animale e i suoi cuccioli.

Come si trasmette?

Il virus può essere trasmesso da un cane all'altro in diversi modi:

  • per via trans placentare: in caso di infezione primaria di un cane incinta, il feto può essere infettato in utero. Una volta infettati, i feti cresceranno, ma avranno poche possibilità di raggiungere la fase di maturità. Quindi può esserci un aborto. Succede anche che i cuccioli vengano infettati durante il parto, quando entrano in contatto con le secrezioni vaginali emesse dalla madre durante il parto.

  • per via venerea, perché la CVH è un'infezione a trasmissione sessuale. Se la cagna si accoppia con un maschio infetto dal virus o viceversa, il partner sano può essere infettato durante lo scambio di liquido al momento dell'accoppiamento.

  • per via orale e oro-fecale, a contatto con le secrezioni nasali o fecali di individui infetti. Se il cane annusa le feci di un cane già infetto dal virus responsabile della malattia, può essere infettato. È stato osservato che anche il muco nasale è una potenziale fonte di contaminazione.

Questa malattia non deve essere presa alla leggera, in quanto può portare a infertilità, aborti o parto di feti già morti (quando i cuccioli vengono colpiti durante il parto ). Essendo anche una malattia latente, può causare danni progressivi ai cani. La maggior parte dei sintomi della malattia sono simili alla sindrome della " tosse del canile " e, una volta infettati, l'animale trasporterà il virus per il resto della sua vita.

Nei cuccioli molto piccoli, l'infezione si diffonde rapidamente. Infatti, se hanno meno di 3 settimane, le probabilità di sopravvivenza sono purtroppo molto scarse. Dopo l'età di 3 settimane, la risposta immunitaria del cucciolo è migliore grazie agli anticorpi protettivi trasmessi dal latte materno, la sensibilità dei cuccioli all'herpesvirosi diminuisce e le loro possibilità di sopravvivenza aumentano di conseguenza. Infine, se il cucciolo è stato infettato dopo i 6 mesi, la probabilità che muoia è molto bassa.

Quali sono i sintomi dell'herpesvirus canino?

I sintomi dell'herpesvirus canino variano a seconda dell'età dell'animale infetto.

Nei cuccioli appena nati (forma più grave) si possono notare:

  • incapacità di allattare e di succhiare il latte, con conseguente anoressia del cucciolo;
  • disturbi digestivi, tra cui feci diarroiche, chiare, defecazione dolorose o altri sintomi addominali;di vomito ;
  • lamenti e gemiti: il cucciolo inizia a piagnucolare senza nessun motivo apparente;
  • incoordinazione dei movimenti che fa sì che il cucciolo non riesca a stare in piedi o a camminare correttamente.;
  • rigidità e iperestensione degli arti, quando la malattia è già in una fase evoluta;
  • ipotermia: la temperatura del corpo del cucciolo può scendere anche a 34°C, e a questo punto saranno respinti dalla madre.


Nel caso in cui il cane fosse stato contagiato in età adulta, il virus rimarrà inattivo per diversi giorni. Tuttavia, la malattia continuerà ad essere presente nel corpo e alla fine causerà:

  • Lesioni locali e mucose infiammate;
  • Insufficienza respiratoria con comparsa di rinite, faringite e/o congiuntivite, senza ipertermia (febbre);
  • Infezioni oculari come la cheratite, congiuntivite, retinite, ecc.
  • Problemi digestivi contrassegnati da diarrea o vomito.

Quali sono i modi per diagnosticare la malattia?

La maggior parte delle diagnosi fatte sui cuccioli vengono confermate solo dopo la loro morte. Poiché i cuccioli sono molto fragili, il veterinario non può rilevare la malattia prima che questa li porti via.

Tuttavia, per i cani che hanno più di 3 settimane e il cui sistema immunitario è in grado di combattere meglio il virus e per i cani e le femmine adulti, esistono una serie di esami e analisi sierologiche possono rilevare la presenza del virus.

In caso di aborti o infertilità dell'animale, i veterinari possono anche eseguire questi test per confermare o meno la presenza del virus.

Per quanto riguarda la femmina, il virus tende ad emergere da uno stato di latenza al momento del calore, che è un periodo di rischio. Si consiglia pertanto di attendere fino alla fine di questo periodo per eseguire le analisi.

Trattamento dell'herpesvirosi nei cani

Purtroppo, ad oggi il virus CHV non può essere curato con nessun trattamento. L'ideale sarebbe:

  • Vaccinare i cani contro la malattia, soprattutto se vivono in gruppo (ad esempio in canili) e soprattutto le femmine.

  • Testare i partner prima di qualsiasi accoppiamento per assicurarsi che non sia positivo al virus. Ricordate che anche se un animale non mostra sintomi, il virus può essere latente nel suo corpo. Sarà quindi in grado di contagiare quello sano.

  • Mettere i cuccioli neonati al caldo sotto una lampada a infrarossi o in un'incubatrice pediatrica con una temperatura interna superiore a 38 °C.

  • Procedere con l'inseminazione artificiale con lo sperma di un cane sano e sieronegativo al fine di limitare i rischi di contaminazione durante l'accoppiamento.

  • Pulire costantemente l'ambiente del cane con prodotti che hanno la capacità di sterilizzare e distruggere qualsiasi virus.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->