Mercoledi' 23 Giugno 2021

Linfocisti nei pesci d'acqua dolce

  • Pubblicato il:  03/12/2020

La linfocisti è una malattia virale nei pesci causata da un iridovirus presente sia nei pesci d'acqua dolce che in quelli marini. Principalmente causa un cambiamento dell'aspetto del pesce, con la presenza di protuberanze rosa o bianche. Purtroppo, non esiste un trattamento, ma la malattia è autolimitante e non causa alcun sintomo clinico serio.


Gli iridovirus si trovano in tutto il regno animale, inclusi anfibi, invertebrati e pesci d'acqua dolce e marini. Sono legati ai megalocitivirus, che sono anche membri degli iridovirus.

Sintomi di linfocisti nel pesce

Il principale segno clinico di linfocisti nei pesci d'acqua dolce sono i noduli cutanei in rilievo. Possono presentarsi con alcuni noduli sparsi o in un gruppo di dozzine. Possono apparire su tutto il corpo di un pesce, comprese le pinne e la cavità orale.

Questa malattia autolimitante non causerà gravi problemi di salute e altererà solo l'aspetto esterno del pesce. Ricapitolando, i segni più comuni sono:

  • Protuberanze sulla pelle
  • Colore da rosa a bianco
  • Ovunque sul corpo, comprese le pinne
  • Può apparire come una pellicola opaca quando l'infezione si manifesta per la prima volta

Cause di linfocisti

Il virus si diffonde tra il contatto diretto e all'interno dell'ambiente acquoso. Una volta nell'acquario, la linfocisti può sopravvivere nell'acqua circostante fino a 1 settimana.

Alcuni pesci possono essere portatori latenti, in cui trasportano il virus, ma non mostrano segni clinici. A causa del lungo periodo di incubazione da settimane a mesi, il virus potrebbe manifestarsi anche dopo il completamento della maggior parte dei protocolli di quarantena.


Come viene diagnosticata la linfocisti?

Per diagnosticare la linfocisti, il veterinario eseguirà una raschiatura della pelle e la analizzerà al microscopio. Questa operazione viene eseguita per escludere comuni infezioni parassitarie, come macchie bianche o altro.

L'epiteliocisti può presentarsi in modo simile alla linfocisti, ma sarà presente anche sulle branchie, a differenza della linfocisti. I campioni possono anche essere prelevati per l'analisi istologica da un patologo veterinario. Ciò comporterà il taglio da parte del veterinario di un piccolo campione di pelle dal pesce e la conservazione in formalina. L'elaborazione di questi campioni potrebbe richiedere alcuni giorni o settimane.

Trattamento della linfocisti

Non esiste un trattamento per la linfocisti. Spesso, i segni clinici sono esacerbati da altri fattori di stress nell'acquario, come la scarsa qualità dell'acqua, una cattiva alimentazione o le temperature inadeguate. Correggendo alcuni di questi problemi, i tuoi pesci potrebbero recuperare il loro aspetto precedente. Poiché questa malattia non influisce su nient'altro che sull'aspetto esterno, è di minima preoccupazione per la maggior parte dei proprietari di acquari.

Come prevenire la linfocisti

È molto difficile rilevare focolai di linfocisti anche con adeguate pratiche di quarantena. A causa del lungo periodo di incubazione e della presenza di portatori non sintomatici, anche i più importanti allevatori di pesci possono trovare linfocisti nelle loro vasche e nemmeno rendersene conto.

Dal momento che non influenzerà la salute generale del pesce, a parte l'aspetto, mantenere basso lo stress per i pesci d'acquario è l'obiettivo migliore per limitare la diffusione della linfocisti.

La linfocisti è contagiosa per l'uomo?

Per fortuna, la linfocisti non è una malattia zoonotica e quindi non può essere trasmessa all'uomo. Ci sono altri virus all'interno della famiglia degli iridoviridi che possono colpire rane, serpenti e insetti.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli