Sabato 17 Agosto 2019

Sindrome di Horner nel cane

Foto Sindrome di Horner nel cane

La sindrome di Horner è una malattia neurologica dell'occhio e dei muscoli facciali del cane. La condizione di solito si verifica improvvisamente e in genere colpisce un lato della testa, ma, anche se raramente, può essere bilaterale. Le comunicazioni tra occhio e cervello vengono alterate e quindi l'occhio del cane non funziona correttamente.


Esistono altre malattie che si manifestano con sintomi simili alla sindrome di Horner. Quindi, il veterinario dovrà essere bravo (anche con l'aiuto di uno specialista in neurologia) ad osservare bene il cane ed eseguendo alcuni esami per distinguere la sindrome di Horner da altre malattie come l'uveite.

Sintomi clinici della sindrome di Horner nel Cane

I sintomi della sindrome di Horner nei cani sono simili a quelli di altre malattie degli occhi.

  • Abbassamento della palpebra superiore sul lato interessato (ptosi)
  • Il diametro della pupilla dell'occhio interessato sarà minore perchè vi è una costrizione del muscolo (miosi)
  • L'occhio sul lato colpito appare spesso affossato (enoftalmo)
  • La terza palpebra del lato interessato può apparire rossa e sollevata (prolasso della terza palpebra, iperemia congiuntivale )

Quali sono le cause?

La sindrome di Horner è dovuta a una disfunzione dei nervi simpatici degli occhi e dei muscoli facciali circostanti.

Questi fanno parte del sistema nervoso autonomo, che aiuta a controllare le normali funzioni come il battito delle palpebre, il tono muscolare, ecc.

"La sindrome di Horner nel cane è spesso classificata come idiopatica , il che significa che non si trova la causa."

Ci sono diversi fattori per la sindrome di Horner. La disfunzione può essere causata da un danno alla via simpatica mentre attraversa il collo o il torace, dovuto in genere ad una lesione come una ferita da morso o un trauma contusivo, un tumore o una malattia del disco intervertebrale.

Anche una malattia dell'orecchio medio o interno (otite media o otite interna) può essere causa della sindrome di Horner.

Altre cause includono: tetano, paralisi del nervo facciale, atrofia muscolare facciale e disidratazione. Tuttavia, come abbiamo detto, la sindrome di Horner è spesso classificata come idiopatica (senza causa).

L'insorgenza della sindrome può essere improvvisa. In alcuni casi, il cane può presentare sintomi agli occhi, salivazione eccessiva e/o difficoltà a mangiare sul lato interessato.

Qualsiasi cane può sviluppare la sindrome di Horner, anche se sembra che i Golden Retriever e i Collie abbiano un'incidenza leggermente superiore alla media.

Come si cura?

La maggior parte dei casi di sindrome di Horner si risolve spontaneamente; tuttavia, è importante trattare la malattia sottostante.

Ci sono diversi test diagnostici che potranno essere eseguiti dal veterinario per diagnosticare la causa sottostante tra cui un esame dell'occhio e della vista, radiografie (radiografie) del cranio e del torace, e possibilmente una TAC o risonanza magnetica.

I test farmacologici possono includere gocce di fenilefrina iniettate nell'occhio interessato per aiutare a localizzare la fonte del problema.

Se la lesione non è dovuta a causa patologica, ci si può aspettare un lento recupero fino a 4 mesi. Solo il veterinario potrà darvi dei tempi di recupero una volta trovata la causa e prescritto un piano di trattamento adeguato.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   4  Persone hanno inserito un Commento

Gianna Occhipinti07/06/2019 | Rispondi

Ciao, al mio Staffordshire bull terrier è stata diagnosticata la sindrome di Horners. Il suo occhio era un po' infossato, rosso e la terza palpebra molto visibile. La sua vista sembra non risentirne e non sembra non avere dolore. Quando il veterinario ha diagnosticato la malattia ha applicato alcune gocce di fenilalanina e in pochi istanti è tornato normale.

Dopo circa 5 ore tutto era tornato come prima, irritato e infiammato, e di nuovo la terza palpebra ben visibile. È solo irritazione per le gocce o le gocce non sono un trattamento, ma solo uno strumento diagnostico? Il veterinario ci ha spiegato che bisogna aspettare che questa sindrome vada via da sola anche se ci ha consigliato di fare una lastra e una risonanza magnetica! Qualche consiglio?

Mondopets07/06/2019 | Rispondi

Il test della fenilefrina (non della fenilalanina) è un test diagnostico e viene utilizzato per verificare la dilatazione delle pupille su entrambi gli occhi; la sindrome di Horner per essere confermata ha bisogno di ulteriori indagini e test diagnostici. Se hai letto l'articolo avrai capito che possono esserci varie cause della sindrome di Horner, ma nella maggior parte dei casi non è possibile trovarne una (idiopatica). Comunque, nella maggior parte dei casi che si risolve senza alcun trattamento (a parte la lubrificazione dell'occhio e della terza palpebra). Saluti!

Egidio05/06/2019 | Rispondi

Buongiorno, il mio golden retriever, ha 5 anni. Un mese fa, di notte, è diventano improvvisamente strano e continuava girare in tondo, inciampando e senza voltarsi mai alla sua sinistra. Siamo stati dal veterinario, ma non ha trovato nulla grave. Le sue orecchie erano pulite e non c'era cattivo odore, ma è stato trattato per un'infezione dell'orecchio interno.

Dopo 2 settimane di trattamento con antibiotici, è migliorato ma non guarito completamente. Oggi, dopo il controllo il veterinario ha detto che potrebbe avere la sindrome di Horner e ci ha prescritto altre 2 settimane di antibiotici. Se migliora con gli antibiotici vuol dire che si tratta di un'infezione dell'orecchio? O potrebbe essere qualcos'altro?

Luca Rossi01/06/2019 | Rispondi

Al mio golden retriever è stata diagnosticata la sindrome di Horner idiopatica. Il veterinario non ha fatto alcun test, ha detto solo di riportarlo tra 3 settimane. Oggi mi sono preoccupato perchè ha iniziato ad avere un po' di muco verde negli occhi. Devo chiamare il veterinario o si tratta di altro?

Ultimi Articoli

-->