Lunedi' 23 Luglio 2018

Displasia dell'anca nel Cane: cause, sintomi e trattamento

  • Pubblicato il:  22/05/2016
Clicca per ingrandire le foto

La displasia dell'anca nel cane è una malformazione dell'articolazione dell'anca (coxofemorale) che si verifica durante il periodo di crescita del cane. Molti proprietari di cani di taglia grande ne hanno sicuramente sentito parlare, ma è importante che chiunque possieda un cane abbia familiarità con questa malattia.

Collegamenti sponsorizzati

In parole semplici, nella displasia dell'anca, la testa del femore non riesce più ad adattarsi correttamente alla presa dell'anca (cavità acetabolare). Un cane affetto da questa patologia può anche non mostrare alcun segno, mentre altri possono manifestare sintomi ben più gravi.

Quali sono le cause della displasia nel Cane?

Diversi fattori contribuiscono allo sviluppo di questo problema.
Alcune razze sono più inclini alla displasia dell'anca genetica, tra cui: Pastori tedeschi, Labrador Retriever, Golden Retriever, Rottweiler, San Bernardo e Pastori Inglesi.

Anche i fattori ambientali giocano un ruolo importante nello sviluppo della displasia, tra cui la dieta, l'aumento di peso e l'esercizio fisico scorretto.

A seconda dello sviluppo della malattia, possono essere differenziati quattro diversi gradi di displasia:

  • Grado I: le alterazioni degenerative sono minime.

  • Grado II: si nota una marcata sublussazione laterale della testa del femore.

  • Grado III: la maggior parte della testa del femore è al di fuori dell'acetabolo e vi sono importanti alterazioni degenerative.

  • Grado IV: si verifica la dislocazione della testa del femore con appiattimento del bordo acetabolare accompagnati da cambiamenti degenerativi piuttosto importanti.

Cosa bisogna guardare?

La displasia dell'anca si sviluppa nei cani giovani durante lo sviluppo, e alcuni segni spesso si notano a partire dalle quattro alle sei settimane di età.

La displasia dell'anca ha una componente genetica, il che significa che se il padre o la madre del cucciolo hanno sofferto di questa malattia, il cane potrebbe aver ereditato un certa familiarità alla malattia e soffrirne a sua volta.

Inoltre, non vi è alcun legame tra l'età e la gravità di questa condizione, e in alcuni casi, i cani possono non mostrare anomalie fino a uno o due anni di età e, altre volte, possono diventare zoppi in età geriatrica (6-10 anni di età a seconda della razza).

Alcuni segni che si dovrebbero attenzionare sono:

  • Il sintomo più evidente della displasia dell'anca è l'andamento della postura con un lieve oscillazione, soprattutto quando cammina o sale e scende le scale .
  • Il cane di solito cammina lentamente.
  • Un altro sintomo della displasia dell'anca nei cani sono i "salti di coniglio", con entrambe le zampe posteriori insieme.
  • Il cane trascorre molto tempo sdraiato o nel suo letto a riposo.
  • Quando il cane sta in piedi, le 2 zampe posteriori sono più vicine.
  • Mancanza di coordinamento nelle zampe posteriori (andamento ondeggianti)
  • Difficoltà quando il cane tenta di sdraiarsi o a rimettersi in piedi

Collegamenti sponsorizzati

Diagnosi di displasia dell'anca

Il veterinario effettuerà un esame fisico per controllare il movimento dell'articolazione dell'anca del cane.
Le radiografie sono indispensabili per confermare la patologia ed evidenziare lo stadio di artrite associata.

Trattamento

Sono disponibili varie opzioni mediche e chirurgiche per trattare la mobilità del vostro cane e ad alleviare il disagio.
Il metodo di trattamento dipende da una serie di fattori quali l'età e la gravità del problema.
La chirurgia è generalmente l'ultima opzione e di solito è consigliata quando le altre forme di trattamento non sono efficaci, quando il cane è giovane e lo si vuole atletico o per rallentare la progressione della malattia degenerativa delle articolazioni.

OPZIONI NON CHIRURGICHE

  • Il trattamento non chirurgico è essenzialmente lo stesso trattamento per l'artrite in cui si segue un programma per la gestione del peso (compresi gli integratori alimentari), farmaci per contribuire riparare la cartilagine e farmaci per alleviare il dolore e ridurre l'infiammazione.

    • Farmaci palliativi per ridurre infiammazione e dolore
    • Correttori di postura ortopedici
    • Usa una sedia a rotelle per i cani , in modo da non caricare il peso sull'articolazione
    • Integratori alimentari per cani che aiutano a ritardare la progressione dell'osteoartrosi che spesso si verifica nei casi di displasia.
    • Rivolgersi al veterinario, che potrebbe prescrivere integratori per cani affetti da displasia, tra cui la glucosamina.

OPZIONI CHIRURGICHE

  • Ostectomia della testa del femore (UFAB). L'articolazione dell'anca è un giunto a forma di sfera e una cavità che funge da presa. Questo tecnica chirurgica consiste nella la rimozione della testa del femore.

    In genere dà ottimi risultati nei cani di piccola taglia, perché riescono a formare, col passare del tempo, un "falso giunto". Cani di razze grandi non riescono formare questo "falso giunto", quindi questa tecnica è raccomandata nei casi di artrite grave, se l'anca fuoriesce spesso, o se gli altri trattamento non hanno portato a risultati soddisfacenti.

  • Osteotomia tripla. E' una procedura in cui viene tagliato il bacino in tre punti intorno all'articolazione dell'anca.
    L'osso viene ruotato per cercare un migliore allineamento con la testa del femore.

    Questa tecnica dovrebbe essere eseguita solo su cani che non presentano cambiamenti artritici del giunto ed è solo un'opzione per i pazienti più giovani.

  • Protesi totale dell'anca Così come avviene negli esseri umani, l'articolazione dell'anca del cane viene sostituita con una artificiale, spesso in plastica e acciaio inossidabile, attaccata al bacino e femore al posto dell'articolazione degenerata.

    Questa procedura può portare sollievo per molti anni, tuttavia, è solo una possibile opzione per quei cani che non hanno risposto ad altre forme di trattamento, ed è una procedura molto specializzata che deve essere eseguita solo da veterinari esperti.

Dieta ed esercizio fisico nei cani in crescita

Vi è un crescente numero di prove che confermano che i cani che crescono molto rapidamente hanno maggiori probabilità di sviluppare la displasia dell'anca.

Molti veterinari raccomandano un'alimentazione specificamente formulata per cuccioli di razze ad alto rischio, in modo da rallentare la loro crescita.
Essi raggiungeranno la loro dimensione naturale, ma più lentamente.

Evitare l'eccessivo esercizio ii un cucciolo in via di sviluppo. Qualsiasi anomalia nella struttura dell'articolazione dell'anca è amplificata se viene eccessivamente stimolata.

Non è necessario trattare il vostro cucciolo come se fosse disabile, ma lunghe sessioni di corsa o ripetuti inseguimenti di oggetti lanciati, possono essere dannosi per le articolazioni.

Guarda il Video

Cane affetto da Displasia
Cane affetto da Displasia

Prendersi cura di un Cane con displasia dell'anca

Ci sono alcune cose che potete fare per aiutare il vostro cane affetto da displasia:

  • Se si sospettate che il vostro cane ha la displasia dell'anca, consultare immediatamente il veterinario per ridurre al minimo i cambiamenti artritici che si potrebbero sviluppare in futuro.

  • Monitorare il peso corporeo del cane ed evitate che diventi obeso, magari facendovi consigliare dal veterinario un piano nutrizionale.

  • Evitare l'intenso esercizio fisico, come indicato dal vostro veterinario.

Un cane con la displasia dell'anca, può vivere una vita normale?
Contrariamente a quello che si può pensare, sì, molti cani con la displasia dell'anca vivono vite lunghe e felici. Ogni caso è diverso, ovviamente, ma ci sono molti tipi e gradi di displasia, quindi, come proprietari, non lasciatevi scoraggiare subito, ma affidatevi sempre alle cure e ai consigli del vostro veterinario.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   6  Persone hanno inserito un Commento

Stefano Tortorici24/02/2018 | Rispondi

Grazie per l'articolo, veramente ben strutturato e completo. Al mio cane è stata diagnosticata una displasia in entrambi i fianchi quando avevo 6 mesi. Il veterinario ci ha indirizzato da un chirurgo ortopedico canino e ci ha detto che dovevamo operarlo con urgenza.

Ci hanno spiegato l'operazione (la triplice osteotomia) e abbiamo pensato che fosse un intervento molto aggressivo. Abbiamo cercato info su internet e abbiamo trovato un veterinario che risolve la displasia con l'artroscopia. L'ho contattato immediatamente, dopo 2 giorni dall'operazione il nostro cane camminava, e voleva persino correre e giocare. Dopo 3 mesi è perfetto. Siamo contenti di aver trovato quest'altra opzione. Presto avrà un anno e conduce una vita totalmente normale.

Giusy Cappone25/02/2018 | Rispondi

Ciao, sono felice che il tuo cane sia guarito così in fretta. Anche il mio cane ha una displasia all'anca sinistra di grado III. Potresti darmi i contatti del veterinario che ha operato il tuo cane?

Francesco Padovan01/02/2018 | Rispondi

Salve e complimenti per l'articolo. Uno dei più completi presenti sul web. Vorrei sapere se i sintomi della displasia dell'anca nei cani possono apparire solo una volta, il mio cucciolo oggi è venuto zoppicando, ma non so se si tratta di displasia o di qualche colpo preso... quindi vorrei sapere se i sintomi possono essere improvvisi o progressivi ?????

Cecilia Bottino03/02/2018 | Rispondi

Ciao Francesco, i sintomi sono per lo più permanenti e progressivi, se il dolore e la zoppia sono apparsi solo oggi potrebbe essere solo un trauma e puoi aspettare un paio di giorni per vedere se il dolore scompare. Altrimenti dovresti andare da un veterinario per fare dei test, potrebbe anche essere reumatismi o artrosi.

Alfio Tumbarello01/12/2017 | Rispondi

Ho un grosso cane di grossa taglia ed ama molto l'acqua. Da circa due anni ha problemi ad alzarsi e zoppica dalla gamba destra. Cosa posso fare per aiutarlo? Ho letto questo articolo e l'ho trovato molto interessante.

Maira Trovato02/12/2017 | Rispondi

La cosa migliore è andare dal veterinario per fare alcuni test e vedere se si tratta di displasia o artrosi, può anche essere altro. Una volta confermata la diagnosi il veterinario ti darà il giusto farmaco per il tuo cane.

Articoli da non perdere