Venerdi' 19 Luglio 2019

Emofilia nel Cane: cause, sintomi e cure

Foto Emofilia nel Cane: cause, sintomi e cure

L'emofilia nei cani è una malattia congenita ed ereditaria nella coagulazione del sangue. Gli enzimi e le proteine ​​che addensano il sangue subiscono delle alterazioni, rendendo il sangue molto liquido. Colpisce principalmente animali giovani e i cani maschi, dall'età di due mesi, mentre le femmine sono colpite raramente.


In questo articolo parleremo dei tipi di emofilia del cane, dei sintomi e delle cure adatte per aiutare questi animali ad avere una vita normale.

Tipi di emofilia nel Cane

I cani possono sviluppare due tipi di emofilia: A e B.

  • Emofilia A: considerata l'emofilia classica, è presente nei cani, gatti, pecore, cavalli, maiali e bovini. E' caratterizzata da una mutazione nel gene responsabile della sintesi dei fattori della coagulazione VIII, carattere recessivo e situato sui cromosomi X. E' uno dei disturbi più comuni di emostasi nel cane ed è presente in diverse razze pure e di razza mista.

  • Emofilia B: presente anche nei gatti, è caratterizzata dalla mutazione nel gene responsabile della sintesi del fattore IX della coagulazione, che nel cane obbedisce anche al modello di eredità recessiva legata a X.

A causa dei cambiamenti nella struttura proteica che fanno parte del sistema di coagulazione del sangue, i cani con emofilia mostrano segni di sanguinamento spontaneo o da traumi minori, emartro (sanguinamento nella cavità articolare) ed emorragie.

L'emofilia viene trasmessa da femmine fenotipicamente normali, ma portatrici di un gene difettoso. Il modo migliore per trattare questo problema è con l'aiuto di uno specialista perché non esiste una cura. Solo un veterinario esperto saprà come controllare clinicamente la mutazione, evitando le gravi conseguenze ad essa legate.

È importante che il proprietario sia a conoscenza di eventuali anomalie di natura circolatoria e si metta rapidamente in contatto con il veterinario. E, soprattutto, bisogna evitare l'accoppiamento del cane emofiliaco, in quanto potrebbe trasmettere il gene ai cuccioli.

Sintomi dell'emofilia nei cani

Purtroppo, non c'è modo di diagnosticare l'emofilia con delle semplici analisi, a meno che il proprietario non conosca i genitori del cane e l'esistenza della loro mutazione. In genere, si scopre a seguito di una ferita. In condizioni normali, il sangue tende a coagularsi immediatamente, evitando emorragie. Quando l'animale è emofiliaco, l'emorragia non si ferma o richiede più tempo coagularsi.

Se il taglio è superficiale, non c'è rischio per la vita del cane, ma se si tratta di ferite profonde, l'emofilia può essere mortale. La malattia può avere gravi conseguenze, quindi bisogna essere trattata con cura e responsabilità.

Qualsiasi cane può sviluppare questa mutazione ma ci sono razze più inclini di altre. Ad esempio, il pastore tedesco e il dobermann hanno maggiori probabilità di essere emofiliaci.

Cosa fare se il cane è emofiliaco?

Se il vostro animale si è stato tagliato e il sanguinamento stenta a fermarsi, vi consigliamo di portarlo dal veterinario il prima possibile. Valutando l'origine e la posizione della ferita, lo specialista può determinare le reazioni del corpo e se c'è qualche anomalia nel sistema circolatorio.

Come già accennato, ci sono due tipi di emofilia: A e B. Oltre ad essere caratterizzati dalla mutazione di diversi fattori, si manifestano in modi diversi.

- Nel tipo A, considerato mite, di solito si presenta solo quando c'è una ferita. Se il cane non è ferito, l'anomalia potrebbe passare inosservata.

- Il tipo B si manifesta tra i quattro e i sei mesi di età. In questo caso, è comune vedere l'animale che sanguina dal naso o dalle gengive. Potrebbe esserci sangue anche nelle urine e nelle feci. Il cane affetto da emofilia B ha bisogno di cure fin da cucciolo.

Dopo che il cane è stato portato dal veterinario e sono stati eseguiti tutti gli esami necessari, verrà determinata la causa del sanguinamento. Ricorda che l'emorragia non è sempre legata all'emofilia. Ci sono altri fattori esterni che possono causare questa reazione dell'organismo. Per esempio, quando il cane ingerisce veleno per topi o viene morso da un serpente. In entrambi i casi, l'effetto del veleno impedisce agli enzimi di far coagulare il sangue.

Lo stesso accade se l'animale ha una carenza nell'assorbimento della vitamina K. Questa vitamina agisce sul fegato, l'organo responsabile della produzione di enzimi coagulanti.

Infine, alcuni farmaci possono alterare il processo di coagulazione del sangue, come nel caso degli antibiotici e anticoagulanti.

Come si cura l'emofilia nel Cane?

Se al vostro cane è stata diagnosticata l'emofilia, probabilmente il veterinario prescriverà dei farmaci con effetto coagulante. L'uso di queste medicine è in genere molto efficace e aiuta a controllare la malattia.

Recentemente, è stata testata un'altra forma di trattamento: la terapia genica. Questa risorsa terapeutica consiste nell'iniettare il fattore VIII nel corpo dell'animale, che causa la malattia. La ricerca mira a controllare l'emofilia affrontando il cuore del problema. Il trattamento ha dimostrato di essere abbastanza efficace, e molti cani sono stati curati dall'emofilia per tre anni.

È importante trattare l'emofilia nei cani il prima possibile per evitare altri problemi di salute, come l'anemia, debolezza, problemi respiratori e aritmie.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   1  Persone hanno inserito un Commento

Rita Fava22/10/2018 | Rispondi

Sto cercando un veterinario esperto in emofilia cane sento anche da voi parlare della terapia genica ma nessuno mi sa dire dove mi devo rivolgere o darmi il nome e il recapito di uno specialista ne qualche consiglio su come occuparmi di un cane emofiliaco. Abito in Piemonte se qualcuno potesse aiutarmi grazie

Ultimi Articoli

-->