Lunedi' 18 Novembre 2019

Neosporosi nel Cane: sintomi e trattamento

Foto Neosporosi nel Cane: sintomi e trattamento

La neosporosi canina è una malattia parassitaria che prende il nome dal protozoo Neospora caninum che la causa. Tra i cani, interessa soprattutto i cuccioli.


È caratterizzata da una sintomatologia neuromuscolare che di solito provoca una paralisi che inizia nelle zampe posteriori, ma che può progredire. È una patologia può diventare fatale, quindi è importante andare dal veterinario e iniziare subito le cure.

Che cos'è la neosporosi?

La neosporosi è una patologia provocata da un parassita, e in particolare un protozoo chiamato Neospora caninum. Per sopravvivere deve rimanere all'interno delle cellule degli animali, che sono principalmente cani, ma anche bovini.

Una volta veniva trattato come un nuovo genere di coccide. Successivamente, è stato scoperto nei cuccioli che hanno manifestavano paralisi e infine la morte. La neospora attaccare principalmente il sistema nervoso centrale, quindi i sintomi sono tipicamente neurologici e muscolari.

Il ciclo Neospora caninum

Negli ultimi anni è stato confermato che gli animali ospiti definitivi della neospora sono cani, coyote, dingo e lupi grigi. Ma si è visto anche che, affinché questo protozoo completi il ​​suo ciclo di vita, ha bisogno della presenza dei cosiddetti ospiti intermedi.

Sono ruminanti, ungulati selvatici, roditori e uccelli. Quando un cane è infetto da neospora, elimina il parassita con le feci contaminando spesso le acque, i pascoli o le stalle che vengono messe a disposizione del bestiame. Ecco come si verifica il contagio. A sua volta, se un cane consuma prodotti contaminati da bovini o altri host intermedi, come una placenta, verrà infestato.

Sintomi di neosporosi nei cani

La neosporosi non è una malattia abbastanza comune. Il sintomo che può far sospettare la sua presenza è la paralisi delle zampe posteriori. Sebbene questo sintomo sia comune ad altre malattie, in assenza di altre patologie il veterinario dovrebbe valutare la presenza di neosporosi.

Altri sintomi che possono essere rilevati sono:

  • Disturbi neuromuscolari che, in generale, mostrano una rapida progressione
  • Il sintomo più comune è la paralisi delle zampe posteriori
  • Difficoltà a deglutire
  • Paralisi della mascella
  • Flaccidità e atrofia muscolare
  • Insufficienza cardiaca
  • Miocardite o infiammazione del muscolo cardiaco
  • Polmonite
  • Polimiosite o infiammazione delle fibre muscolari e della pelle
  • Aumento delle dimensioni del fegato
  • Convulsioni
  • Modifiche comportamentali
  • Anoressia
  • Dermatite, che è correlata all'immunosoppressione subita dal cane malato, sebbene sia un sintomo non sempre comune
  • Occasionalmente, i cani portatori di neospora possono rimanere asintomatici

Come viene trasmessa la neosporosi?

Oltre al contatto diretto con acqua o detriti contaminati, le femmine possono infettare direttamente i loro cuccioli, anche se non è ancora chiaro come si verifichi questa trasmissione. La malattia nei cani così infetti si manifesta con maggiore gravità.

Tutti i cani sono suscettibili di contrarre la neospora, ma è stata osservata una maggiore incidenza nei cuccioli di età inferiore a un anno. Anche quelli a contatto con il bestiame o con uno qualsiasi degli altri ospiti intermedi hanno maggiori rischi.

Come viene diagnosticata la neosporosi?

Essendo una malattia poco comune, inizialmente potrebbe essere scambiata con altre patologie. Solo quando verranno scartate altre potenziali malattie, il veterinario prenderà in considerazione la possibilità che possa trattarsi di una neosporosi.

Esiste un test rapido per confermare o escludere questo parassita. E' utile anche eseguire un esame del sangue per avere informazioni generali sullo stato di salute dell'animale. I parametri epatici in genere sono alterati.

Qual è il trattamento della neosporosi?

Per curare la malattia, il veterinario prescriverà farmaci antiprotozoari per eliminare il parassita. In genere vengono prescritti anche antibiotici per evitare infezioni secondarie.

Non esiste un vaccino che possa prevenire la malattia. Per ridurre al minimo i rischi, ove possibile, bisogna evitare il contatto del cane con gli ospiti intermedi o con resti potenzialmente contaminati.

È una malattia curabile, ma a volte, nonostante il trattamento, non tutti i cani colpiti riescono a superarla. La morte può verificarsi a causa di complicanze respiratorie, cardiache o epatiche.

La prognosi dipenderà, in larga misura, dal momento in cui viene diagnosticata la malattia e da quando viene iniziato il trattamento.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->