Lunedi' 23 Ottobre 2017

Vaccini per i gatti: quali sono e quando farli

  • Pubblicato il:  19/06/2017

Ci sono sempre più vaccini per gatti, e in questo articolo vi faremo conoscere quali sono i vaccini raccomandati o quelli più importanti per il gatto adulto o un gattino.

Collegamenti sponsorizzati

Inoltre vedremo contro quali malattie questi vaccini proteggono il gatto, a che età bisogna iniziare le vaccinazioni del gattino e quando rivaccinare un gatto adulto.

Perché vaccinare un gatto?

La questione dei vaccini per i gatti è diventata molto controversa, e non ci sono ancora studi conclusivi che abbiano risolto i dubbi legati al loro utilizzo.

I vaccini rappresentano un trattamento preventivo per molte malattie, e sono fatti con virus inoculati, attenuati o inattivati, in modo da produrre anticorpi contro il virus stesso.

I gatti domestici conducono vite diverse; alcuni escono spesso fuori o vivono in colonie con altri gatti, altri invece non escono mai di casa, e quindi il rischio di infezione è notevolmente ridotto.

Bisogna capire che ogni caso è diverso, quindi consigliatevi sempre con un veterinario prima di iniziare un piano di vaccinazione per il vostro gatto.
Nei vaccini non è tutto oro quello che luccica, alcuni stanno sollevando una serie di problematiche, mentre altri non proteggono al 100% dalla malattia.

vaccini obbligatori gatto
In questo articolo parleremo dei vaccini obbligatori che tutti i gatti, sia che vivano all'interno o all'esterno, dovrebbero ricevere.
Tuttavia, si tratta di un articolo informativo, e bisogna sempre consultare il veterinario per ogni caso specifico ed essere consapevoli del fatto che le leggi possono variare da regione a regione.

Vaccini di base e obbligatori per i gatti

Tra i tanti vaccini che esistono sul mercato, ce ne sono alcuni che mettono d'accordo la maggior parte dei veterinari:
Quali vaccini devo fare al gatto? Innanzitutto, prima di vaccinare un gattino bisogna che sia svezzato, cioè non deve essere più allattato dalla mamma. Questo perché la madre passa gli anticorpi necessari attraverso il latte e potrebbero interferire con il vaccino stesso.
A secondo dell'età del gatto si somministrano vaccini specifici. Il piano di vaccinazione per il gattino è il seguente:

  • Da 8 settimane di vita, i gattini ricevono la loro prima dose del vaccino trivalente contro la panleucopenia felina, la rinotracheite e la calcivirosi. Alla 12 settimana (4 settimane dalla prima dose) il vaccino deve essere ripetuto una seconda volta

  • Se il vostro gatto esce spesso all’esterno, è necessario sostituire il vaccino trivalente con un vaccino quadrivalente più completo, che comprende anche la protezione contro la leucemia felina. Il richiamo di questo vaccino deve essere fatto 4 settimane dopo la prima dose.

  • Tra il 3 e 6 mesi di età il gatto si può vaccinare contro la rabbia

Vaccini per gattini

Nel caso in cui il vostro gatto vive a casa, non esce fuori, e non vive a contatto con altri gatti, il piano di vaccinazione inizia nell’ottava settimane di vita con una dose di vaccino trivalente .

Questo vaccino trivalente protegge contro la panleucopenia felina, la rinotracheite e la calcivirosi, tre malattie trasmissibili molto comuni tra i gatti.

Dopo 4 settimane dalla prima vaccinazione, bisogna somministrare la seconda dose, per assicurarsi che il sistema immunitario del gatto abbia sviluppato gli anticorpi contro queste malattie.

Se, invece, il vostro gatto ha accesso all'esterno o vive a stretto contatto con altri gatti, è necessario che sia vaccinato anche contro la leucemia felina. Anche in questo caso, bisogna seguire le stesse date sopra indicate.

Il vaccino contro la rabbia viene consigliato quando il gatto è tra i 3 e i 6 mesi di età. Si tratta di un vaccino obbligatorio in alcuni paesi, anche se non tutti i proprietari vaccinano i loro gatti contro questa malattia.

In nessun caso il gatto deve essere vaccinato se è malato o mostrare qualche problema di salute.

Attenzione, è importante rispettare le date dei richiami dei vaccini. Se, per esempio, facciamo solo la prima dose del vaccino trivalente, e attendiamo 6 mesi per il richiamo, il primo vaccino sarà inutile e saranno solo soldi spesi invano. Quindi, seguite correttamente le linee guida e le scadenze per la rivaccinazione dei vostri gattini.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Vaccini per gatti adulti

Quali sono i vaccini per un gatto adulto? Se il gatto è stato adottato fin da cucciolo, bisogna ripetere annualmente una dose del vaccino trivalente o trivalente + leucemia felina, in base ai casi.

Il richiamo di questi vaccini deve essere fatto in genere ogni anno, anche se in alcuni paesi viene consigliata la rivaccinazione triennale.

Il protocollo di rivaccinazione, in genere, viene raccomandato ogni anno, anche se gli studi più recenti fanno notare che molti vaccini riescono a mantenere una protezione immunitaria che dura molto più a lungo di un anno.

In alcuni paesi, come gli Stati Uniti, molte associazioni veterinarie raccomandano la rivaccinazione trivalente ogni 3 anni. Parlatene con il vostro veterinario, e decidete in base alle circostanze e al tipo di vita dei vostri gatti.

E’ possibile vaccinare un gatto anziano non vaccinato?

Posso vaccinare un gatto anziano? Se avete adottato un gatto adulto, e non è stato vaccinato perché magari era randagio, può essere vaccinato, indipendentemente dall'età.

Una dose di vaccino trivalente (panleucopenia, rinotracheite, calcivirosi), oppure una dose di trivalente + leucemia se si sceglie il vaccino combinato.

Quando un gatto sano è già adulto, il sistema immunitario è ben sviluppato. Di conseguenza, molti veterinari raccomandano una singola dose di vaccino, senza la necessità di un richiamo a 4 settimane, come per i gattini appena nati.

Se avete raccolto dalla strada un gatto o un gattino, è meglio farlo visitare dal veterinario, il quale farà un test per le gravi malattie (come la leucemia felina o immunodeficienza felina). Queste analisi vengono eseguite su un campione di sangue, e non sono molto costosi.

Il prezzo di un test per la leucemia felina di solito un costo di circa 30 euro. Nel giro di un paio d'ore, o al massimo un giorno, si può avere il risultato.

vaccino trivalente gatto

Vaccino trivalente per i gatti

Il vaccino trivalente protegge contro le seguenti malattie:

  • Panleucopenia felina o tifo del gatto, è una malattia causata da un parvovirus. Essa è causa di gastroenterite e della diminuzione dei globuli bianchi. E’ fatale nel 80% dei casi per i gatti sotto i 6 mesi e nel 40% nei gatti adulti.

  • Rinotracheite è una malattia respiratoria contagiosa causata da un herpesvirus con sintomi come starnuti, naso che cola e secrezioni abbondanti negli occhi.

  • Calicivirosi è una malattie respiratoria che produce sintomi di tipo influenzale, ed è causata da un picornavirus.

Vaccino per la leucemia nei gatti

Per quanto riguarda il vaccino della leucemia felina, ci sono alcune cose che bisogna sapere. Prima di vaccinare i gatti contro questa malattia, bisogna fare un test per capire se sono stati già infettati dal virus.

Che cosa succede se non faccio il test? E' un rischio. Se il gatto viene vaccinato contro la leucemia felina ma è già portatore del virus , è possibile compromettere il sistema immunitario e causare gravi danni, e persino la morte.

Inoltre, bisogna sapere che bisogna vaccinare i gatti contro la leucemia solo se realmente vi è il rischio di infezione. I gatti a rischio di contrarre la leucemia felina sono quelli abituati ad uscire, o che vivono a contatto con altri gatti, in particolare con i gatti randagi.

La leucemia felina è una malattia mortale, altamente contagiosa, (se avete bisogno di ulteriori informazioni su di esso, leggete questo articolo: Sintomi della Leucemia Felina (FeLV) nel Gatto).

Il vaccino deve essere somministrato tra le 8 e le 16 settimane con un intervallo minima di 15 giorni tra le due dosi.

Questo vaccino offre notevoli benefici per i gatti a rischio, ma ha anche alcune controindicazioni, come la possibile insorgenza di sarcomi. Il sarcoma è un tumore maligno che si verifica nei tessuti, muscoli o nei vasi sanguigni vicini alla zona in cui è stato somministrato il vaccino.

Vaccini non obbligatori per i gatti

I vaccini di cui abbiamo discusso nei paragrafi precedenti (trivalente più la leucemia) sono fondamentali, e sono anche quelli su cui sono d'accordo la maggior parte dei veterinari e allevatori.

Nel mercato sono disponibili molti altri vaccini per gatti che possono essere utili o meno, a seconda dello stato di salute dell’animale e dello stile di vita che conduce.

  • Vaccino contro la rabbia nei gatti: di solito viene somministrato entro le 16 settimane (quattro mesi ) di vita e viene ripetuto annualmente o ogni 3 anni fa, a seconda sul caso.

    Questa malattia è una zoonosi e può essere trasmessa agli esseri umani. In molti paesi europei, la rabbia è stata debellata, ma in altri, come nei paesi nordafricani esiste ancora.

    La vaccinazione antirabbica è necessaria nelle zone previste dalla legge e se si viaggia all'estero. La legislazione sulla rabbia varia da paese a paese, quindi il vaccino contro la rabbia non è sempre obbligatorio.

    Approfondisci: Rabbia del Gatto e come curarla

  • Vaccino contro l'immunodeficienza felina (FIV): è una malattia simile all'HIV umana, anche se è non viene trasmessa dai gatti agli esseri umani, perché si tratta di un virus specifico della specie.

    Vi è un vaccino per questa malattia, ma molti esperti pensano che la sua efficacia è ancora discutibile e non viene raccomandato.

    Approfondisci: Virus dell'immunodeficienza felina (FIV) nel Gatto

  • Vaccino per la Bordetella: questo vaccino viene somministrato per via intranasale per combattere le malattie infettive delle vie respiratorie.
    Può causare una piccola infezione del tratto respiratorio dopo l'applicazione, e in alcuni animali può causare danni al fegato. Si tratta di un vaccino ancora controverso.

  • Vaccino per la Peritonite infettiva felina: la PIF è una malattia incurabile e può causare la morte del gatto. Per fortuna, le statistiche ci dicono che nei gatti domestici l’incidenza è di un caso su 5.000, quindi relativamente raro.

    Il vaccino viene somministrato per via intranasale, e ha dato risultati misti in diversi studi che ne hanno esaminano la sua efficacia.

Vaccini per gatti e sarcomi

Come la medicina e la scienza, anche i vaccini veterinari si stanno evolvendo giorno dopo giorno, e causano sempre meno effetti collaterali. Tuttavia dobbiamo essere realisti e ammettere che al giorno d'oggi esistono ancora problemi connessi ai vaccini, anche se per fortuna non in tutti i casi.

vaccinare gatto
Normalmente un gatto, nelle ore successive alla vaccinazione, mostra sintomi lievi come affaticamento, febbre lieve, diarrea o perdita di appetito. Purtroppo, sono stati riferiti anche gravi effetti collaterali come problemi epatici o renali, o reazioni allergiche al vaccino.

Un grave problema associato con i vaccini sono i sarcomi , che possono essere causati dalla puntura stessa o come reazione ai vaccini antirabbica e della leucemia felina.

Il sarcoma è un tipo di cancro, ed è stato dimostrato in diversi studi che il rischio aumenta con i vaccini, soprattutto se la puntura viene fatta nella stessa zona delle dosi precedenti.

Per risolvere questo problema, alcuni veterinari preferiscono vaccinare il gatto su una zampa, perché anche se l’animale dovesse sviluppare il sarcoma, non si tratta di in un organo vitale. Inoltre è possibile intervallare le diverse dosi nelle diverse zampe.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere