Lunedi' 24 Settembre 2018

Tosse canina: cause, sintomi e trattamento

  • Pubblicato il:  09/09/2018
Foto Tosse canina: cause, sintomi e trattamento

La tosse Kennel, il nome che in genere viene dato alla patologia respiratoria infettiva canina (CIRD), è una malattia molto contagiosa tra i cani. La tosse nei cani è causata dall'infiammazione della trachea e dei bronchi, ed è abbastanza simile al comune raffreddore negli esseri umani.

Collegamenti sponsorizzati

La tosse Kennel è presente in tutto il mondo e può infettare un'alta percentuale di cani almeno una volta nella loro vita. A volte viene anche chiamata bordetellosi.

I cuccioli sono quelli che soffrono maggiormente delle complicazioni più gravi poiché hanno un sistema immunitario immaturo. Sono a maggior rischio anche i cani più anziani, in quanto presentano una ridotta capacità immunitaria, cani in stato di gravidanza e cani con malattie respiratorie preesistenti.

In questi casi, la tosse kennel, o tosse dei canili, può rapidamente evolvere in polmonite, e potrebbe richiedere il ricovero del cane in una struttura veterinaria.

Sintomi della Tosse Kennel nel Cane

  • Una tosse secca persistente è il sintomo più comune
  • Il cane tossisce tutta la notte
  • Conati di vomito
  • Secrezione nasale acquosa
  • Nei casi lievi, i cani sono spesso attivi e mangiano normalmente
  • Nei casi gravi, i sintomi progrediscono e possono svilupparsi polmonite, inappetenza, febbre, letargia e persino la morte

Collegamenti sponsorizzati

Cause della tosse Kennel nei cani

Alcuni dei microrganismi più comuni che contribuiscono allo sviluppo della malattia sono i batteri Bordetella bronchiseptica, l'adenovirus canino, il virus parainfluenzale e il micoplasma. Ognuno di questi organismi, può causare i sintomi della malattia, da soli o in combinazione. Infezioni con più organismi tendono a causare i sintomi più gravi.

I cani sviluppano spesso segni clinici associati 3-4 giorni dopo l'esposizione o il contatto con altri cani infetti (ad esempio, in un centro commerciale, rifugio o canile), ma a volte possono essere necessari fino a 10 giorni. I cani possono manifestare sintomi lievi se hanno fatto il vaccino.

Diagnosi della tosse canina

La diagnosi di questa malattia si basa soprattutto sui sintomi presenti e sulla storia clinica e ambientale del cane. Il veterinario vi chiederà una cronologia dettagliata sullo stato di salute del vostro cane e l'insorgenza dei segni clinici.

Il medico può eseguire alcuni esami del sangue e delle urine, esami fecali e radiografie del torace. Se un cane non risponde al trattamento come previsto, potrebbero essere necessari ulteriori indagini (ad es. Colture batteriche) per identificare la causa della tosse.

Come si cura la tosse Kennel nei cani

Il trattamento dipende dalla gravità dell'infezione. Se il cane è attento, attivo, continua a mangiare normalmente e mostra solo sintomi lievi, il veterinario potrebbe prescrivere solo cure di supporto, come il riposo, una buona idratazione e una corretta alimentazione.

I cani più gravi avranno invece bisogno di farmaci per cani che riducono l'infiammazione e la tosse, tra cui uno sciroppo per la tosse. Se il veterinario sospetta un'infezione batterica, potrebbe consigliare una terapia con antibiotici per aiutare ad ridurre il decorso della malattia. I cani che sviluppano la polmonite spesso hanno bisogno di essere ricoverati per un trattamento più aggressivo.

Cosa fare se il cane ha la tosse?

Al fine di prevenire la diffusione della malattia, i cani con la tosse kennel devono essere isolati fino a quando non le loro condizioni migliorano e non sono più contagiosi.Tutti i cani che potenzialmente entrano in contatto con altri cani (soprattutto quelli che frequentano certi commerciali, parchi, canili, etc ..) devono essere vaccinati contro Bordetella bronchiseptica e virus parainfluenzale canino. Tutti i cani devono essere vaccinati contro l'adenovirus canino.

Anche dopo essere stati vaccinati, i cani possono ancora essere contagiati dalla tosse dei canili (sebbene in forma meno grave). È meglio essere attenti e preparati.

Se in casa avete un cane affetto da questa malattia, è probabile che anche gli altri cani sviluppino i sintomi. Se possibile, tenete i cani separati e pulite bene tutte le superfici condivise, compresi letti e pavimenti.

Sebbene questa infezione non viene trasmessa all'uomo, ci sono stati casi in cui bambini e adulti con sistema immunitario compromesso possono essere a rischio. In questi casi, è meglio parlare con il medico di famiglia sulle opzioni e precauzioni.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere