Lunedi' 20 Novembre 2017

Iperestesia del gatto e come si cura

  • Pubblicato il:  21/05/2015

L'iperestesia del gatto o iperestesia felina è una grave malattia che colpisce i gatti di tutte le razze, sia giovani che in età avanzata, inducendoli a comportamenti "strani" e compulsivi provocati da ambienti restrittivi o da una gestione comportamentale sbagliata.

Collegamenti sponsorizzati

Diagnosi di Iperestestesia felina nel Gatto

La diagnosi deve essere eseguita da un veterinario competente studiando il gatto sia dal punto di vista del comportamento sia da quello clinico escludendo eventuali problemi dermatologici (allergie varie) o neurologici (crisi epilettiche e convulsioni).

Andranno effettuate anche esami del sangue completo per escludere alcune patologie a carico di fegato, tiroide e reni o patologie neoplastiche. Alcune di queste malattie possono innescare questi episodi.

I Sintomi di Iperestesia nel Gatto

Questa temibile malattia felina si manifesta all'improvviso provocando nel gatto comportamenti "strani" soprattutto in tarda serata e nelle prime ore del giorno: è come se il gatto fosse in preda ad una crisi nevrotica iniziando a rincorrere ininterrottamente un oggetto "invisibile" e con scatti repentini.

A volte cerca di attaccare e mordere la propria coda e le proprie zampe come se queste non facessero parte del proprio corpo. Questa malattia, che viene anche chiamata rolling skin syndrome (toccando la pelle del gatto, soprattutto sul dorso, questa si arriccia ripetutamente formando una specie di onda) non deve essere confusa con le normali corse che i gatti comunemente fanno.

Altri segni clinici sono lo sguardo fisso nel vuoto e un eccessivo autoleccamento.

Guarda il Video

Iperestesia del Gatto
Iperestesia del Gatto

Il gatto si comporta come se fosse estraneo all'ambiente circostante: in questo stato di agitazione potrebbe attaccare persone, animali e persino oggetti vicini, ed emette forti miagolii e ringhi.

Nei casi più gravi si ha anche perdita incontrollata di feci e urine.

Si rinchiude in se stesso non rispondendo a nessun impulso (per esempio la voce del padrone). Queste crisi sono periodiche (in genere una o due volte al mese) e non lasciano tracce tra un episodio e il successivo.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Come si cura l'iperestesia felina

La causa di questa patologia è tuttora sconosciuta e viene associata al disturbo compulsivo; potrebbe scatenarsi a seguito di un forte stress oppure un trasloco, un cambio di abitudini, o spesso anche l’assenza totale di stimoli durante il giorno.

La terapia prevede una cura farmacologica che verrà prescritta dal veterinario e una terapia del comportamento costituita da modificazioni ambientali.

Foto iperestesia gatto
In genere i farmaci che verranno prescritti sono fluoxetina (Prozac) o clomipramina (Clomicalm). Questi farmaci ridurranno lo stato di ansia rendendo il gatto meno incline a comportamenti compulsivi. Talvolta potrebbe essere utile anche l'impiego degli anticonvulsivanti (fenobarbital).

Dal punto di vista comportamentale è necessario diminuire le occasioni di ansia permettendo al gatto di salire in alto e proteggendolo da tutte quelle attenzioni non gradite.

E' importante ricordarsi di ignorare completamente il gatto durante la crisi, per evitare di accentuare questo suo stato di agitazione.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere