Lunedi' 15 Luglio 2019

Malattie del Setter Irlandese

Un setter irlandese, sano e ben curato, può vivere da 10 a 14 anni e in genere è una razza sana. Purtroppo, come molte altre razze pure, il setter irlandese potrebbe soffrire di alcuni problemi di salute ereditari e di alcuni acquisiti. Proprio per questo motivo è importante che i proprietari di questi cani siano consapevoli delle malattie più comuni che possono affliggere questi bellissimi animali, perché come sappiamo una diagnosi precoce si traduce in una prognosi più favorevole.

Di seguito parleremo di questi problemi di salute, alcuni dei quali vengono trasmessi dai genitori ai cuccioli, quindi disordini ereditari, e di altre malattie acquisite note nella razza.

Displasia dell'anca

Una delle malattie che colpisce comunemente i Setter irlandesi è la displasia dell'anca, condizione causata dallo sviluppo anomalo dell'articolazione dell'anca che si verifica in genere quando i cani sono ancora in fase di crescita.

I cani affetti da questo problema tendono a zoppicare e, nei casi più gravi, si evolve in artrite debilitando ulteriormente il movimento del cane. Le visite di routine dal veterinario (almeno 2 l'anno) sono molto importanti per diagnosticare in fase precoce la malattia, e prima il vostro animale soffra.

Leggete anche: Displasia dell'anca nel Cane: cause, sintomi e trattamento

Panosteite

Si tratta di una malattia ossea molto dolorosa che colpisce i Setter irlandesi quando sono giovani, in genere di età compresa tra 6 e 24 mesi, ed è più comune tra cani maschi. Anche se in percentuale minore è possibile che si verifichi anche in cani adulti.

La causa è ancora incerta, ma alcuni ricercatori pensano sia legati a virus, problemi vascolari, parassitismo, allergie e cambiamenti ormonali.

La diagnosi di panosteite nel Setter irlandese deve essere confermata dal veterinario. Il sintomo iniziale è l'inizio improvviso di zoppia e di solito sono colpiti gli arti anteriori.

Le panosteite nei cuccioli può durare da pochi mesi ad anni, ma di solito si risolve da sola, anche se ci saranno alcuni effetti collaterali a lungo termine da affrontare.

Non esiste una prevenzione, ma si è scoperto che l'uso eccessivo di integratore di calcio svolge un ruolo negativo.

Dilatazione gastrica

E' una condizione molto dolorosa in cui lo stomaco si riempie di aria e ruota su se stesso. E' un problema molto serio e che deve essere trattato immediatamente dal veterinario perchè, se trascurato, potrebbe rivelarsi fatale per l'animale.

I Setter irlandesi, così come i cani di grossa taglia, sono più inclini a sviluppare questa condizione. Se notate che il cane mostra segni di gonfiore allo stomaco e irrequietezza, portatelo subito dal veterinario per un controllo.

Altri sintomi includono: ipersalivazione, dolore addominale e respiro affannoso e rapido.

Leggete anche: Torsione dello stomaco nel Cane: sintomi e cure

Atrofia retinica progressiva

E' un problema che colpisce alcune razze tra cui Setter irlandesi. È una malattia degenerativa che colpisce l'occhio e porta alla totale cecità.

La diagnosi viene di solito eseguita con una visita oculistica veterinaria specialistica. L'esame comporta la valutazione del fondo (retina e parte posteriore dell'occhio) con strumenti adatti.

I cani possono essere testati mediante un test del DNA che aiuta a ridurre le possibilità che i cuccioli ereditino la condizione, in quanto nessun cane o cagna dovrebbe essere utilizzato per scopi di riproduzione.

cane setter irlandese

Ipertiroidismo

Come razza, i Setter possono essere inclini all'Ipertiroidismo. Si tratta di un malfunzionamento della tiroide che si verifica quando la ghiandola tiroidea smette di funzionare e produce ormone tiroideo responsabile del corretto metabolismo.

I sintomi comprendono perdita di pelo, aumento di peso, perdita di massa muscolare, letargia e in alcuni casi problemi cardiaci. La malattia viene solitamente diagnosticata attraverso esami del sangue. Può essere curata con la terapia farmacologica, ma sempre sotto la supervisione del veterinario.

Leggete anche: Ipertiroidismo nel Cane: cause, sintomi e cure

Epilessia

Purtroppo, i Setter irlandesi sono inclini ad epilessia. Gli attacchi epilettici, soprattutto all'inizio, possono spaventare i proprietari, ma bisogna sapere che la condizione può essere controllata con successo grazie alla somministrazione di alcuni farmaci.

Anche se è incurabile in modo definitivo, i cani Setter affetti da epilessia dovranno ricevere la terapia per il resto della loro vita.

Leggete anche: Attacco epilettico nel cane: cause, sintomi e trattamento

Osteocondrite dissecante

E' una condizione medica in cui la crescita della cartilagine che si trova nelle articolazioni del cane non si sviluppa in modo regolare. Tipicamente si verifica sui gomiti ma può interessare anche le spalle dell'animale.

È un disturbo doloroso che provoca l'irrigidimento delle articolazioni e limita considerevolmente il movimento del cane. Possono essere colpiti i cani di età inferiore ai 4 mesi e si ritiene che una alimentazione scorretta e troppo ricca di proteine ​​possa essere in parte responsabile dello sviluppo della malattia.

Osteodistrofia ipertrofica

Questo disturbo fa sì che i cani diventino zoppi e si pensa che la principale causa derivi da una dieta troppo ricca di proteine ​​e calcio. Ad essere colpiti sono soprattutto i cuccioli.

Altri sintomi includono: febbre, perdita di appetito, articolazioni gonfie, problemi a camminare, letargia. In rari casi la malattia può rivelarsi fatale. E' piuttosto difficile da diagnosticare ma può essere curata con antibiotici, steroidi e antidolorifici.

Mielopatia degenerativa

La mielopatia degenerativa è una malattia neurologica ereditaria causata da una mutazione del gene SOD1 ed è nota per essere comune anche nei Setter irlandesi.

La malattia colpisce la materia bianca di tessuto del midollo spinale ed è considerata l'equivalente della sclerosi laterale amiotrofica (morbo di Lou Gehrig) degli esseri umani.

I cani affetti, di solito in età adulta, presentano sintomi di atrofia muscolare progressiva e perdita di coordinazione a partire dagli arti posteriori a causa della degenerazione dei nervi.

La malattia in genere non è dolorosa per il cane, ma progredirà fino a quando l'animale non sarà più in grado di camminare. I cani affetti possono perdere completamente la capacità di camminare da 6 mesi a 2 anni dopo l'insorgenza dei sintomi.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->