Domenica 19 Febbraio 2017

Sintomi della Leucemia Felina (FeLV) nel Gatto

  • Pubblicato il:  17/02/2016
Foto Sintomi della Leucemia Felina (FeLV) nel Gatto

Il Virus della Leucemia Felina nel gatto

Collegamenti sponsorizzati

Il virus della leucemia felina (FeLV) è responsabile della leucemia nel gatto, un tipo di cancro e anche dell'immunodeficienza. La FeLV è un retrovirus della stessa famiglia come l'HIV umana (il virus che causa l'AIDS) e anche al virus dell'immunodeficienza felina (FIV). Questo tipo di retrovirus infetta solo i gatti e quindi non viene trasmessa all'uomo

I tre tipi di virus della leucemia felina

Ci sono tre tipi di infezione da FeLV: FeLV-A, FeLV-B, e FeLV-C. I gattini possono essere infettati con uno, due o tutti e tre i tipi.

La FeLV-A si trova in tutti i gatti infetti dalla leucemia felina e compromette gravemente il sistema immunitario.
La FeLV-B si verifica in circa la metà dei gatti infetti e provoca tumori e altre escrescenze di tessuto anomali.
La FeLV-C si verifica solo in nell'1% dei gatti infetti e provoca grave anemia .

Gatti a più alto rischio di infezione

Si stima che circa il 2-3% dei gatti sani sono infettati dalla leucemia felina. Il tasso passa al 13% o più in gattini malati, molto giovani, o comunque altamente suscettibili alle infezioni.

A più alto rischio di infezione sono:
- I gatti che vivono con altri gatti infetti o gatti.
- I gatti che vivono all'aperto dove possono essere morsi da un altro gatto infetto.
- I gattini nati da madri infette.

Modalità di trasmissione

Il virus della FeLV è presente nei fluidi corporei, tra cui la saliva, le secrezioni nasali, urina, feci e sangue. Il virus si trasmette attraverso il contatto diretto e attraverso l'uso comune di cibo e ciotole d'acqua.
FeLV può essere trasmessa dalla madre ai suoi cuccioli sia in utero che durante l'allattamento.
La malattia può essere trasmessa anche attraverso i morsi e i graffi di un gatto infetto.

Fasi di una infezione da virus della FeLV nel gatto

Ci sono due fasi in un'infezione FeLV.
- La fase iniziale è chiamata viremia primaria, e durante questa fase alcuni gatti sono in grado di combattere la progressione del virus e fermare la il passaggio alla seconda fase, chiamata viremia secondaria.

- Questa fase (viremia secondaria)è caratterizzata dalla progressiva infezione del midollo osseo e di altri tessuti, ed è considerata irreversibile. Da due a quattro settimane dopo l'esposizione al virus della leucemia felina, un gatto potrebbe rispondere in vari modi:
- Alcuni gattini riescono a fermare l'infezione grazie ad una buona risposta del sistema immunitario.
- Alcuni sviluppano una infezione latente e regressiva, nel senso che il loro sistema immunitario può tenerla sotto controllo. Questi gatti mostrano tipicamente i segni dell'infezione e non si liberano del virus.
- Gattini che non hanno una risposta immunitaria adeguata diventeranno infettati da FeLV per tutta la vita. Questi gatti si conterranno grandi quantità di virus.

I sintomi della FeLV

La FeLV ha una serie di effetti negativi sul corpo di un gatto. È la causa più comune di cancro felino, può causare vari disturbi del sangue, e può deprimere il sistema immunitario che non potrà più difendere il corpo contro altre infezioni secondarie che potrebbero essere la causa di morte.

All'inizio dell'infezione molti gatti non mostrano segni di malattia. Col progredire della malattia, tuttavia, la salute di un gattino può gradualmente deteriorarsi e potrebbe alternare periodi di buona salute a periodi di sofferenza.

Alcuni dei sintomi associati a questa infezione virale sono:
- Perdita di appetito
- Infiammazione delle gengive (gengiviti) e della bocca (​​stomatite)
- Graduale perdita di peso
- Infezioni della pelle, della vescica e delle vie respiratorie superiori
- Diarrea persistente
- Ingrossamento dei linfonodi
- Convulsioni
- Cambiamenti del comportamento e altri disturbi neurologici
- Febbre persistente
- Una varietà di patologie agli occhi
- Gengive pallide
- Aborti spontanei nelle femmine in stato di gravidanza e altri problemi riproduttivi

Diagnosi di infezione da FeLV

Ci sono due tipi di esami del sangue per diagnosticare la leucemia felina nel gatto. Il test ELISA (enzyme-linked immunosorbent assay) rileva la FeLV in entrambe le fasi primarie e secondarie, e può essere effettuata presso una clinica veterinaria.

L'(indirect immunofluorescent antibody assay) IFA che scopre solo la viremia secondaria, quindi la maggior parte dei gattini con test positivo saranno infettati per tutta la vita. Questo test deve essere inviato a un laboratorio di diagnostica e viene spesso utilizzato per confermare un test ELISA positivo per la FeLV.

Trattamento della FeLV nel Gatto

Non esiste un trattamento specifico per gatti infettati da FeLV. Tuttavia, dovranno essere trattati eventuali infezioni secondarie esistenti.

I gatti FeLV-positivi devono essere tenuti al chiuso, il che impedirà la diffusione del virus ad altri gatti, ma anche di ridurre il rischio che il vostro gatto si esponga ad agenti patogeni che il suo sistema immunitario non sia in grado di gestire. I gatti FeLV-positivi non dovrebbero riprodursi e non dovrebbero mai essere vaccinati per niente, mai.

Il vostro gatto dovrebbe essere alimentato con una dieta equilibrata. A meno che il vostro micio abbia un basso numero di globuli bianchi (in questo caso è meglio del cibo cucinato fresco), una dieta cruda va bene. È inoltre possibile introdurre una dieta di cibi crudi pastorizzati ad alta pressione; questa è una buona scelta per i gatti in tutte le fasi del virus.

I gatti con FeLV dovrebbe essere portati dal veterinario almeno due volte all'anno per rivedere la salute dei loro occhi, gengive, pelle e nodi linfatici, e di controllare il loro peso. In una delle due visite annuali dovrebbero essere eseguiti esami del sangue e delle urine.

Attenzione, il monitoraggio costante della salute e del comportamento del vostro gattino FeLV-positivo è estremamente importante in modo da poter informare il veterinario subito di eventuali modifiche. Si potrebbero somministrare alcuni integratori naturali per sostenere il sistema immunitario, tra cui:
- Curcuma
- Vitamina C
- Ozonoterapia
- Kyosenex estratto di timo
- Erbe cinesi

Prognosi e la prevenzione

Purtroppo, la maggior parte dei gattiaffetti da FeLV il cui sistema immunitario non è in grado di debellare le malattie secondarie muoiono nel giro di due o tre anni dall'infezione. Nei gatti che acquisiscono tutti e tre i tipi di FeLV o nei gattini con febbre persistente e continua perdita di peso, i tempi di sopravvivenza sono molto più brevi.

L'obiettivo deve sempre essere quello di individuare la leucemia felina di un gattino prima che diventi sintomatica, e quindi aiutare sin da subito il suo sistema immunitario. In questi casi, molti gatti FeLV-positivi possono vivere una vita del tutto normale.

L'unico modo infallibile per mantenere il vostro gatto al sicuro da FeLV è quello di evitare l'esposizione al virus. Questo significa, ovviamente, tenerlo lontano da gatti potenzialmente infetti.

Se avete un gatto infetto, non mettetelo mai in contatto con altri gatti. Alcuni veterinari non consigliano il vaccino contro la FeLV, è spesso inefficace ed è stato collegato allo sviluppo di sarcomi.


Collegamenti sponsorizzati
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.
Condividi questo Articolo su:

Articoli da non perdere

Accedi
Accedi con il tuo Social Network

Oppure usa i tuoi dati di accesso

Error message here!

Hide Password non vadlida!

Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la Password? Inserisci la mail di accesso e ti invieremo una nuova password.

Mail non valida !

Torna al Login

Chiudi